05, Febbraio, 2023

Covid-19, continuano i controlli. 13 persone denunciate. Prorogate le chiusure

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Attività febbrile per la polizia municipale. 1.300 autocertificazioni richieste. Controllate 50 persone al giorno. Slittano al 13 aprile le chiusure

50 persone e 20 attività al giorno controllate, in tutto 13 le persone che sono state denunciate: sono intense le attività della polizia municipale di San Giovanni per l'emergenza coronavirus per verificare che le regole restrittive sugli spostamenti siano rispettate.

I controlli si concentrano, in prevalenza, sui supermercati, le attività chiuse, le poste, le farmacie, i luoghi pubblici, giardini, parchi, lame dell’Arno che, nonostante i divieti, vedono ancora infrazioni da parte di alcuni cittadini.

“Dal 9 marzo abbiamo controllato in media circa 50 persone al giorno e circa 20 attività al giorno – ha dichiarato il Comandante della Polizia Municipale di San Giovanni Valdarno, Martin Tani – Complessivamente a oltre 1300 persone è stata richiesta l’autocertificazione, sono state controllate 500 attività per verificarne l’apertura, la chiusura o la fila, e sono state sanzionate e denunciate 13 persone”.

“E’ importante rimanere a casa ed uscire soltanto in situazione di necessità, per lavoro o per motivi di salute. – sottolinea il sindaco di San Giovanni Valentina Vadi – Soltanto rimanendo a casa è possibile contenere la diffusione e la trasmissione del virus COvid-19. Le belle giornate, il sole e l’aria tiepida di questo inizio di primavera non deve indurci a venire meno alle restrizioni, vanificando lo sforzo fatto fino ad adesso. Se vogliamo che questa condizioni abbia la minore durata, dobbiamo essere rigorosi con noi stessi e con i nostri cari, non uscendo e rimanendo a casa. Passata l’emergenza sanitaria ci sarà tempo per fare passeggiate ed allenamenti e corse all’aria aperta, per adulti, anziani e bambini. Ora no, ora è il tempo della responsabilità individuale e collettiva”.

Intanto sulla scia del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 1 Aprile 2020 sono state prorogate al 13 aprile la chiusura del cimitero cittadino comunale e del cimitero della Misericordia, degli esercizi commerciali al dettaglio che svolgono la propria attività mediante distributori automatici di alimenti e bevande, di parchi, giardini comunali ed aree verdi attrezzate. Prorogata al 13 aprile anche la sospensione del trasporto pubblico scolastico a porte aperte, con l’attuazione dell’orario estivo del trasporto pubblico locale, e di tutti i mercati che si effettuano nel territorio comunale e qualunque attività di commercio su area pubblica.

 

 

 

 

Articoli correlati