05, Febbraio, 2023

Cinquantaquattro anni fa l’alluvione che colpì Firenze e il Valdarno

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Era la notte fra il 3 e il 4 novembre del 1966, quando il Valdarno avvertì, prima ancora di Firenze, l’ondata dell’Arno in piena. E non solo: torrenti e borri che strariparono, acqua e fango nel fondovalle, danni incalcolabili. A Reggello due famiglie spazzate via dal Resco

Era il pomeriggio del 3 novembre del 1966 quando in Valdarno iniziarono ad esondare fiumi e affluenti dell'Arno. Nella notte il fiume in piena attraversò il fondovalle, lasciando fango e detriti lungo il suo percorso. Il 4 novembre Firenze era sommersa, ma nei comuni del territorio valdarnese si contavano già i danni. 

 

A distanza di cinquantaquattro anni, vi riproponiamo alcuni degli approfondimenti realizzati da Valdarnopost in occasione del cinquantesimo anniversario dell'alluvione, con storie e testimonianze, immagini e racconti di allora, di un territorio che pagò anche il suo prezzo in termini di vite umane, con sette persone che morirono a Reggello travolte dalla piena del Resco. 

Una storia raccontata per immagini, come quelle raccolte dal Circolo Fotografico Arno (che nel 2016 allestì anche due mostre) o scattate da Gastone Rotesi e Leonello Picchioni (e allestite in una mostra del 2016 curata da Massimo Anselmi e Enzo Righeschi)

Ma una storia che sta anche nelle testimonianze, come quella dei tecnici che lavoravano allora al comune di Montevarchi; o quelle raccolte per ricostruire la tragedia delle Lastre, a Reggello, dove morirono sette persone. E ancora, le parole di una bambina di allora; la situazione in Valdambra come ce la raccontò Sergio Cerri Vestri. 

TUTTO LO SPECIALE DI APPROFONDIMENTO 

 

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati