16, Luglio, 2024

Centro storico, il sindaco: “Aperto il confronto, cerchiamo di coniugare le esigenze. Ma l’ovale deve essere Ztl”. Durante le feste riapertura provvisoria

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Il futuro assetto viario del centro storico tiene banco a Montevarchi. Il sindaco : “Nessuna decisione presa, ascoltiamo tutti”. Ma durante le feste riaprirà provvisoriamente anche via Cennano, in attesa dell’assetto definitivo (che arriverà a marzo). Crescono gli scontenti: tra loro anche l’ex sindaco Valentini, che ha scritto una lettera aperta

Decisioni certe ancora non ci sono, almeno per l'assetto definitivo che dovrà avere il centro storico di Montevarchi, una volta chiusi i cantieri del Piuss. Tutto è ancora aperto: "Stiamo incontrando le parti, le categorie economiche, le associazioni e i comitati", spiega il sindaco Francesco Maria Grasso. "La strada è quella del confronto, prima di ogni decisione. E non eslcudiamo di affidarci anche a studi specifici".

Qualcosa, però, è già stato deciso. Alcuni provvedimenti di tipo provvisorio: da dicembre riaprirà al traffico anche via Cennano. Rimarrà aperta probabilmente durante tutte le festività. Poi, dopo il 6 gennaio, partirà l'ultimo pezzo di lavoro su via Roma. E finché ci sarà il cantiere, la viabilità sarà di nuovo modificata. Avanti così fino a febbraio: solo dopo si potrà introdurre una regolamentazione definitiva. Che deve ancora prendere forma, e proprio di questo si discute in questi giorni. 

Il sindaco apre al confronto e parla di necessità di coniugare esigenze diverse. "Da una parte quelle di vivibilità del centro storico, dall'altra quelle che vengono dal mondo del commercio, dai negozianti, che chiedono maggiore accessibilità anche alle auto. Bisogna trovare il giusto equilibrio. Per me però resta fissata una premessa: il centro storico sarà Ztl, nel suo complesso, come era previsto nei progetti".

Detto in altre parole, via Cennano sarà considerata nell'insieme con via Roma e, probabilmente, con via Poggio Bracciolini e via Isidoro del Lungo. L'amministrazione studierà un progetto di viabilità che comprenda tutta la mandorla storica. Apertura o chiusura alle auto? O soluzioni intermedie? Sul tavolo ci sono tutte le ipotesi, oggi. 

Dalla Confcommercio l'appello era di aprire di più il centro alle auto. Il comitato spontaneo di via Cennano chiedeva invece limitazioni stringenti. E tra i tanti che si esprimono, c'è anche l'ex sindaco Giorgio Valentini. "Lo faccio da semplice cittadino", precisa nella sua lettera aperta, inviata al primo cittadino in carica. Ma un semplice cittadino che però conosce bene il Piuss, visto che l'ha progettato, e sa qual è la posta in ballo. 

"Io, come altri cittadini, non posso non esprimerti la mia preoccupazione per le decisioni che stai per prendere, prima di tutto perché non hai reso noto ai cittadini qual è il disegno definitivo. Mi preme far notare che il Piuss è stato finanziato ed ha degli obbiettivi da rispettare anche in termini di vivibilità e quindi di regolamentazione veicolare". 

"L’ipotesi di aprire al traffico veicolare per tutti via Cennano è semplicemente un assurdo e in palese contrasto con il progetto architettonico delle strade. Strade senza marciapiedi significa traffico limitato o zona pedonale in tutto il mondo civile. Senza impedire l’accesso dal Pestello, via Cennano diviene una autostrada, incontrollata e incontrollabile".

La proposta dell'ex sindaco è su due punti: "Primo: accesso al centro storico vietato dal Pestello e da chi proviene da via dei Mille. Strade del centro in unica Ztl riservata ad abitanti e attività economiche nei modi e negli orari più funzionali alle esigenze di tutela ambientale e architettonica, economica e sociale. Secondo: servono parcheggi. L’Amministrazione possiede l’utilizzo in via Montenero di aree che possono essere sistemate. In via Sugherella c'è un'ampia area di proprietà comunale da adibire a parcheggio scambiatore. E perché non attrezzare il piazzale lungo via 4 Novembre con sbarra e pagamento a consumo effettivo di tempo di sosta, magari abbuonando il primo quarto d’ora, oppure permettere a chi fa acquisti nel centro commerciale naturale di avere il parcheggio pagato con un accordo con gli operatori?".  
 

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati