19, Agosto, 2022

Al via gli abbonamenti per la nuova stagione del Garibaldi, code e qualche polemica ma i numeri sono già da record

Più lette

In Vetrina

Code e qualche polemica per gli abbonamenti alla nuova stagione del Garibaldi. Dopo venti anni dalla riapertura del teatro, infatti, ci sono state sostanziali modifiche organizzative che sono state causa anche di lunghe code per le prelazioni. Ma i numeri sono già da record: nel primo giorno sono stati rinnovati quasi 400 degli oltre 600 abbonamenti dell’anno scorso. Il Comune: “Ci sono abbonamenti disponibili per tutti i richiedenti”

Code, qualche polemica, ma anche numeri importanti per il teatro Garibaldi. L'amministrazione ha dato il via ad una mini rivoluzione sia per quanto riguarda l'organizzazione della stagione che per quanto riguarda gli abbonamenti.
 
Ieri il primo giorno per le prelazioni che proseguiranno fino al 17 ottobre, e si sono registrate già lunghe code, testimoniate anche dai numeri: dei 654 abbonati dell'anno scorso, in circa 400 hanno rinnovato l'abbonamento nella prima giornata. Un vero e proprio record dettato anche dalle misure messe in atto quest'anno, e che qualche polemica e disagio stanno creando.
 
Come sottolineato in un recente comunicato stampa, il 20esimo anniversario della riapertura del Garibaldi coincide con l’arrivo di numerose novità: “Nonostante che, infatti, per ridurre i costi sia stato eliminato il turno del venerdì, il calendario degli appuntamenti conta in totale 10 spettacoli, contro i 6 della passata stagione. Le 10 proposte teatrali saranno raggruppate in due distinti abbonamenti, di 5 spettacoli ciascuno e divisi in 4 turni: 2 di sabato (abbonamento turno A e B) e 2 di domenica (abbonamento turno C e D). In conseguenza di queste scelte, tutti gli abbonati della Stagione di Prosa 2014-2015 avranno diritto di prelazione nella scelta dei nuovi abbonamenti, nel periodo che va dal 5 al 17 ottobre”.
 
Quindi, a questi spettatori sarà garantito l’abbonamento (indistintamente il sabato o la domenica), ma non potrà essere assicurato lo stesso posto delle stagioni precedenti.
 
“Quanto alla 31° Stagione concertistica – si legge nella comunicazione di pochi giorni fa – invece, verranno riproposti i sei tradizionali appuntamenti, che saranno inaugurati il 19 dicembre dal concerto di Natale dell’Orchestra della Toscana. In entrambi i casi, avranno diritto a particolari agevolazioni gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado, i cittadini che hanno meno di 25 anni, coloro che hanno superato il 65° anno d’età, i soci Coop, i soci del Credito Cooperativo Valdarno Fiorentino Banca di Cascia e tutti coloro che desiderano abbonarsi a tutti gli spettacoli in calendario”.
 
Nonostante il boom di nuovi abbonamenti all'apertura del botteghino, su facebook si sono scatenate le polemiche per le code e per la nuova organizzazione, dovute anche alle lunghe procedure richieste, vista l'apertura ridotta da tre a due giorni. Il Comune da parte sua assicura che ci sono posti a sufficienza per accogliere tutte le richieste.

Per  informazioni è comunque possibile telefonare allo 055.952433 o consultare il sito www.comunefiv.it.

Articoli correlati