02, Febbraio, 2023

Sulla chiusura del bar interviene l’azienda sanitaria: “Problemi legati al contratto, alla gestione e alla struttura”

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

L’azienda Usl Toscana Centro parla di chiusura temporanea e di ristori alternativi per pazienti e operatori

Dopo il grido d'allarme dei Cobas che hanno affermato "Se ne va un servizio di pubblica utilità", sulla chiusura del bar del Serristori interviene e chiarisce la Usl Toscana Centro.

Prima di tutto le cause della chiusura:  per l'azienda si tratta di "problematiche di carattere contrattuale e gestionale oltre a carenze di tipo strutturale e tra queste l’instabilità complessiva del pendio e i relativi lavori, a breve, di consolidamento dello stesso, che hanno resa necessaria la chiusura del Bar interno al presidio ospedaliero Serristori".

La situazione ha richiesto soluzioni e ristori alternativi, sia per i pazienti che per gli operatori.

"Per quanto riguarda i pazienti ed i loro familiari sono presenti e diffusi all’interno della struttura sanitaria i distributori automatici di bevande (calde e fredde) e snack, che potranno essere eventualmente implementati se risulterà necessario. In particolare sarà garantito come sempre il servizio di ristoro dedicato ai donatori di sangue. Per gli operatori è invece stato previsto un ampliamento dell’utilizzo del ticket restaurant attraverso nuove convenzioni, sia con gli esercizi commerciali, sia con una casa di cura privata, posti nelle immediate vicinanze dell’ospedale".

Infine l'azienda fa sapere che procedono "i lavori sull’impianto di riscaldamento che è inattivo in alcune zone dell’ospedale. Non sono assolutamente interessate le aree di degenza ma l’intervento di riparazione è stato comunque immediatamente disposto al fine di evitare il più possibile disagi".

 

Articoli correlati