06, Febbraio, 2023

Serristori, il sindaco: “Pazienza finita, basta rinvii sul Pronto Soccorso: ora torni aperto h24

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Mugnai, dopo varie lettere ufficiali inviate alla Ausl Toscana Centro, interviene per chiedere il potenziamento di tutti i servizi rivolti ai cittadini

Richieste ufficiali per mail, pec e telefonate, ma sull’Ospedale Serristori ancora nessuna conferma sul ripristino del Pronto Soccorso aperto H24. Così oggi il sindaco di Figline e Incisa Valdarno, Giulia Mugnai, ha deciso di chiedere pubblicamente chiarimenti alla Ausl Toscana Centro, ribadendo con fermezza che sull’ospedale non devono esserci altri rinvii e che tutti i servizi interrotti con l’emergenza Coronavirus devono subito tornare attivi.

“In questi giorni sono uscite comunicazioni importanti da parte dell’Ausl Toscana Centro sulla graduale ripresa dell’attività ambulatoriale in tutti i presidi ospedalieri e territoriali – spiega la sindaca Mugnai -.In linea con le direttive nazionali saranno progressivamente riattivati i servizi più importanti sia presso gli ospedali che presso i distretti, con interventi di riorganizzazione che permettano lo svolgimento delle visite e della diagnostica in sicurezza. E’ in fase di riavvio anche l’attività della libera professione e, su alcune strutture anche della chirurgia programmata in convenzione. Queste notizie significano che l’emergenza non è finita ma che, anche sotto l’aspetto sanitario, in Toscana siamo entrati nella fase 2”.

“Per questa ragione – prosegue la sindaca Mugnai – è necessario che l’Azienda sanitaria, in questa stessa ottica, chiarisca i tempi e le modalità per la ripartenza del Pronto Soccorso H24 presso l’Ospedale Serristori, così come il rientro a pieno regime degli anestesisti con il conseguente ripristino delle attività diagnostiche e chirurgiche, fino ad arrivare a riportare completamente sul nostro presidio le cure oncologiche per i malati più fragili. Abbiamo affrontato con responsabilità la fase più acuta dell’emergenza, ma oggi chiediamo all’Ausl una risposta immediata che dedichi all’Ospedale Serristori l’attenzione che si merita e che, tradotta concretamente, significa personale, risorse e strumentazioni adeguati per rispondere davvero alle esigenze quotidiane dei nostri cittadini”.

“Il Serrristori – conclude Giulia Mugnai – deve svolgere una funzione fondamentale come Ospedale completamente Covid free, per garantire ai cittadini percorsi sicuri e rapidi ai servizi sanitari. Tutto questo è e sarà possibile grazie ai tanti professionisti che hanno lavorato presso il presidio durante questa emergenza senza mai risparmiarsi, ma che devono essere sempre messi nelle condizioni di erogare i servizi nel miglior modo possibile. Non possiamo attendere oltre. La pazienza è davvero finita”.

 

Articoli correlati