01, Febbraio, 2023

Serristori, emergenza Covid, Simoni: “Tutti siamo chiamati ad un atto di responsabilità”

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

La capogruppo delle liste civica cita Mattarella con l’invito a mettere da parte ogni divisione. “No alla commissione d’inchiesta, ora è il momento di lavorare tutti insieme

“Questo Consiglio comunale si svolge nella giornata dell’unità nazionale. In questo momento di grave emergenza sanitaria, lavorativa non è il momento delle divisioni, come ha ricordato il presidente Mattarella. Anche il nostro territorio si trova ad affrontare ad una sfida terribile, per questo siamo  tutti chiamati ad un atto di responsabilità”.

Nel suo intervento nel Consiglio comunale di Figline e Incisa la capogruppo delle liste civiche per Figline e Incisa Valdarno, Cristina Simoni, ha citato le parole del Presidente della Repubblica per chiarire la sua posizione in merito alla mancata approvazione della commissione d’inchiesta sull’operato del consiglio comunale in relazione alle vicende dell’ospedale Serristori. 

“Il Presidente ci richiama a mettere da parte in questo momento ogni partigianeria e ogni protagonismo. Nel nostro piccolo parlamento siamo chiamati a dare un contributo di opposizione costruttiva. Per quanto riguarda il futuro del Serristori allorquando sarà superata questa terribile emergenza, occorre lavorare tutti insieme sapendo che a livello regionale abbiamo adesso nuovi interlocutori. Sono certa che non verrà meno  l’impegno per il nostro territorio del presidente della Regione Toscana Giani. Come sono certa dell’impegno che una intera comunità ha messo a difesa del suo ospedale, compreso il Comitato Serristori che ha avuto il merito di tenere viva per decenni questa importante questione. Ricordo bene, anche con un certo orgoglio personale, l’impegno di tante persone all'interno delle istituzioni locali per lo sviluppo del nostro ospedale, negli anni in cui il Serristori vantava posti letto e primariati ben diversi dagli attuali. Quindi, ora che “la casa brucia, bisogna concorrere tutti a spegnere l’incendio”. Non è il momento delle divisioni, bensì è l’ora di dare un contributo per trovare le soluzioni tutti insieme”.

 

 

 

Articoli correlati