21, Maggio, 2022

Podere Rota, Pierazzi M5S: “Ci auguriamo che al centro della prima conferenza dei servizi ci sia solo la volontà popolare”

spot_img

Più lette

Dopo la pubblicazione da parte di Arpat del nuovo rapporto di ispezione ambientale relativo all’anno 2020 i cui controlli programmati confermerebbero il problematico stato qualitativo delle acque sotterranee nel sito di Podere Rota già definito nella Ria del settembre 2020 e relativa all’anno 2019, interviene il capogruppo M5S in consiglio comunale a San Giovanni, Tommaso Pierazzi.

“Intanto chiediamo ad Arpat di utilizzare espressioni chiare perché dietro ogni comunicazione c’è una vallata intera che prega per la propria salute. Cosa vuol dire ‘problematico stato qualitativo delle acque sotterranee’? Sono inquinate oppure no? Rischiamo gravi conseguenze per la nostra salute oppure no? C’è una rete idrica di approvvigionamento per il nostro comune che passa dai pozzi posti in località Oltrarno e Santa Maria Badiola e la cittadinanza deve essere rassicurata sulla loro sicurezza. Per questo chiederemo siano fatte quanto prima analisi che ne certifichino la qualità. Non ci possiamo permettere di tralasciare nessun controllo specialmente a seguito di quanto appreso oggi. Sono anni che ci battiamo in prima linea come Movimento 5 Stelle per la chiusura definitiva del sito di Podere Rota e questi rapporti di Arpat non fanno che avallare tutte le preoccupazioni che abbiamo portato in ogni sede istituzionale. Va anche ricordato che le nostre battaglie fino ad oggi non sono state vane perché ci hanno permesso di ottenere dalla Regione Toscana la chiusura del sito di Podere Rota per i Rifiuti Solidi Urbani al raggiungimento delle volumetrie ancora disponibili, ma la battaglia in questo ultimo anno si è spostata sull’ampliamento per i rifiuti speciali”.

Pierazzi conclude: “Per questo insieme alla Giunta sangiovannese abbiamo chiesto l’Inchiesta Pubblica che ha portato chiaramente nelle stanze del palazzo della Regione Toscana il dramma che sta vivendo tutto il Valdarno. Per questo adesso ci auguriamo che il prossimo 23 febbraio 2022 alla prima conferenza dei servizi relativa al progetto di ampliamento della discarica di Podere Rota da destinare a rifiuti speciali non pericolosi, sia al centro del dibattito la sola volontà popolare. Un eventuale ampliamento anche se per Rifiuti Speciali impatterebbe ancora sull’ambiente del Valdarno, devastato da oltre trent’anni dal business del rifiuto ai danni di quella Economia Circolare tanto agognata da tutti”.

Articoli correlati