16, Agosto, 2022

La viceministra all’economia Todde annuncia i tavoli, Bekaert non c’. La Regione: “Scriveremo una lettera”

Più lette

In Vetrina

Nell’elenco dei tavoli che saranno convocati nelle prossime due settimane al Ministero dello Sviluppo Economico non c’ quello per Bekaert. Rabbia anche dei sindacati

"A seguito dell’assegnazione delle deleghe, ho definito oggi il calendario delle vertenze che saranno convocate nelle prossime due settimane al Ministero dello Sviluppo Economico. Giovedì 22 aprile il tavolo Dema, il 23 aprile Acc-Embraco, il 26 aprile Blutec e Sider Alloys, il 27 Treofan, il 28 Whirlpool, giovedì 29 Elica e Industria Italiana Autobus ed infine il 30 aprile L. Foundry". 

Non c'è la Bekaert nell'elenco dei tavoli che il Mise si appresta a convocare, quelli che ha annunciato con un post su facebook la Viceministra allo Sviluppo Economico Alessandra Todde. Un'assenza che pesa, visto che manca poco ormai alla scadenza della cassa integrazione e all'arrivo dei licenziamenti: se non si sbloccherà la situazione, la data definitiva è il 4 maggio. 

La Regione Toscana è intervenuta con una nota: "Scriveremo alla viceministra Alessandra Todde per rappresentare l’urgenza di riunire il tavolo Bekaert presso il Mise”. A dichiararlo, l’assessora al lavoro, Alessandra Nardini e Valerio Fabiani, consigliere del presidente Eugenio Giani e delegato a lavoro e crisi aziendali. La decisione di scrivere alla viceministra dello sviluppo economico con delega alle crisi aziendali, è giunta dopo aver appreso che, tra le vertenze tosane con scadenza a breve, Bekaert non è compresa tra i tavoli convocati prossimamente al Mise. "Nella lettera si ricorderà – precisano Nardini e Fabiani – che il 4 maggio scadono gli ammortizzatori sociali per i lavoratori rimasti in forza all’azienda di Figline Incisa Valdarno". 

Rabbia della Fiom Cgil: "Tra le convocazioni in programma manca la Bekaert di Figline. Vogliamo ricordare al Governo e alle altre Istituzioni che è urgente una convocazione che porti alla reindustrializzazione, come promesso da tutti, e prima del 4 Maggio, giorno in cui, a causa di un accordo che non abbiamo sottoscritto, l’azienda potrà licenziare i lavoratori. Basta prese in giro. Vogliamo una soluzione per i lavoratori". 

Anche la Fim Cisl è intervenuta duramente: "Il tw della Sottosegretaria Alessandra Todde , non lascia dubbi , siamo fuori dalle convocazioni più urgenti! Bekaert Figline, ma anche Jsw Piombino sono vertenze figlie di un Dio minore. Con la Regione Toscana che ha assessori e presidente COMPLETAMENTE ASSENTI, il Governo dei migliori ci sbatte la porta in faccia. Molto probabilmente anche che il peso politico della nostra Regione nei confronti della nuova compagine di Governo è diminuito fino a livelli storici.
Qualcuno batta un colpo, tenendo conto anche delle promesse fatte ai tavoli. Il Governo aveva indicato nella scorsa settimana il tempo giusto per un nuovo incontro, promessa disattesa!". 

 

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati