30, Giugno, 2022

Davanti alle Lambruschini la candidata Giulia Mugnai lancia “10 da 10”, e chiede ai giovani di partecipare

Più lette

In Vetrina

“Dieci idee da diecimila euro”: questa la proposta ai giovani lanciata da Giulia Mugnai all’apertura della campagna elettorale, avvenuta davanti al cantiere delle ex Lambruschini. E a proposito di quest’ultimo, la candidata sindaco afferma: “Non ci nascondiamo di fronte alle criticità”

È iniziata davanti al cantiere incompiuto delle Lambruschini, e non a caso, la campagna elettorale di Giulia Mugnai, candidata a sindaco del Pd di Figline e Incisa. Uno scenario scelto per lanciare una proposta nuova: si chiama “Dieci da dieci”, cioè 10 idee da 10mila euro ciascuna, che potranno essere realizzate da 10 giovani progettisti.

È questa la proposta lanciata dalla Mugnai nel giorno di “Ri-Partiamo dalle incompiute! – Idee e concretezza per rilanciare la città”. “Aprire la campagna elettorale davanti alle ex-Scuole Lambruschini, una ferita aperta per la comunità di Figline e Incisa, è una prima risposta ai cittadini – ha spiegatola candidata sindaco – non ci nascondiamo di fronte alle criticità. Abbiamo in mente un’amministrazione coraggiosa che affronta a viso aperto tutte le questioni e i nodi irrisolti. Per questo ripartiamo dalle incompiute. Siamo pronti a farci carico delle responsabilità e proprio da questo luogo simbolo oggi lanciamo le nostre prime proposte”.
 

Davanti ai numerosi cittadini presenti ai Giardini Morelli, Giulia Mugnai ha illustrato “Dieci da dieci”, una raccolta di idee lanciata per realizzare dieci investimenti sul decoro dei centri storici. Interventi mirati e immediatamente finanziabili per riqualificare aree di degrado, rivitalizzare le piazze, migliorare la qualità della vita riscoprendo angoli poco utilizzati del territorio. I giovani progettisti possono già inviare le loro proposte a giulia@giuliamugnai.it. L’iniziativa si è poi spostata al Comitato di piazza Marsilio Ficino per un aperitivo.

Intanto, nei giorni scorsi, la candidata ha incassato anche l'appoggio di Matteo Renzi, che l'ha chiamata per un in bocca al lupo: "Il vero Matteo Renzi sono io, e spero di poter venire a dimostrarlo", ha detto il premier alla candidata, ironizzando sul simbolo della lista del candidato sindaco di Forza Italia, Roberto Renzi, che reca la dicitura "Berlusconi per Renzi". 

Articoli correlati