30, Giugno, 2022

Bekaert, incontro in Regione con i sindacati. “Uniti sugli obiettivi, subito la riapertura del tavolo al Mise”

Più lette

In Vetrina

Tra le richieste condivise, quella di una proroga degli ammortizzatori sociali finalizzata alla reindustrializzazione del sito. Il consigliere Valerio Fabiani: “C’è bisogno dell’unità del territorio”

Istituzioni e organizzazioni sindacali uniti sul fronte Bekaert: è il messaggio emerso dalla riunione che si è tenuta oggi nella sala Azzurra di palazzo Sacrati Strozzi. Al tavolo in Regione presenti Valerio Fabiani, consigliere del presidente Giani delegato a lavoro e crisi aziendali; la sindaca di Figline e Incisa, Giulia Mugnai; Lorenzo Zambini della Città metropolitana. Oltre ai tecnici regionali Carmen Toscano (Arti) e Paolo Tedeschi (di supporto alla presidenza della Regione), erano presenti Alessandro Beccastrini (Fim-Cisl); Davide Materazzi (Uilm Firenze-Arezzo) e Andrea Vignozzi (Fiom-Cigil).

“Dobbiamo essere allineati sugli obiettivi strategici, sapendo che ammortizzatori sociali e reindustrializzazione stanno insieme – ha detto Fabiani – ciascuno deve fare la sua parte: abbiamo coinvolto il Ministero del lavoro, ora serve il Mise, perché è necessario un cambio di fase”. Condivisi gli obiettivi ribaditi da tutti i presenti: reindustrializzazione del sito come chiave per occupazione e futuro del territorio; proroga degli ammortizzatori sociali una volta finito l’utilizzo della cassa covid; riassorbimento dei lavoratori per intero all’interno di qualsiasi progetto di reindustrializzazione sostenuta da finanziamento pubblico.

“C’è bisogno dell’unità del territorio, da cui deve arrivare una voce forte e chiara per riunire il tavolo al Mise dove non sono ancora state assegnate le nuove deleghe – ha spiegato Fabiani – Chiediamo che alcune vertenze particolarmente urgenti siano fin da subito assegnate a un preciso referente, che sia il ministro, o un vice ministro o un sottosegretario”.  Sullo sfondo la ricostruzione della filiera dell’acciaio nel territorio toscano,  con il coinvolgimento di Piombino e un ruolo del capitale pubblico, spiega ancora il consigliere per le crisi aziendali.   

“L'obiettivo condiviso del tavolo di oggi è quello di chiedere al più presto la riapertura del tavolo presso il Ministero dello sviluppo economico – ha dichiarato la sindaca Giulia Mugnai- è lì che bisogna continuare la discussione sui piani industriali e quindi, attraverso, la reindustrializzazione, pensare a tutelare i 120 lavoratori ancora coinvolti nella vertenza, oltre a riaprire un'attività produttiva che possa riportare sviluppo sul territorio”.

 

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati