19, Aprile, 2024

Chiesa di San Niccolò a Ganghereto, dopo il restauro torna nella sua nicchia il gruppo di terracotta. Inaugurazione mercoledì

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Dopo sei anni dall’inizio del restauro, il gruppo di terracotta composto da tre altorilievi raffiguranti la Madonna con Bambino tra i Santi Nicola di Bari e Pietro è tornato nella sua collocazione naturale ovverosia la nicchia dietro l’altare maggiore della chiesa di San Niccolò a Ganghereto di Terranuova. L’opera risalente al periodo che va dalla fine del ‘400 ad inizio ‘500 è attribuita ad Agnolo di Polo plasticatore del Rinascimento fiorentino formatosi alla scuola del Verrocchio e documentato anche come collaboratore di Giovanni della Robbia. L’inaugurazione dell’opera, completamente trasformata dal restauro, si terrà mercoledì 29 marzo a partire dalle 17.00: prima la presentazione nella sala del consiglio comunale, poi il taglio del nastro.

Un evento che riveste un’importanza particolare per l’intera comunità. Il restauro si è reso necessario per lo stato di degrado in cui versava il gruppo in terracotta policroma a causa dell’umidità di risalita del muro esterno della chiesa che aveva provocato il distacco di San Pietro. I lavori sono iniziati nel 2017 su impulso di Don Donato Buchicchio della parrocchia di Santa Maria e grazie all’impegno e alla volontà dell’associazione “Pro Artibus“, con il progetto Salviamo Ganghereto, e ai contributi dell’Opificio delle pietre dure di Firenze, della Soprintendenza competente, del Comune di Terranuova, della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze.

L’opera di restauro del gruppo in terracotta e del suo sfondo murale dipinto è stata svolta da grandi professionisti del settore: Stefania Bracci, Fabrizio Bandini, Philip Kron Morelli, Francesca Rossi e Chiara Fornari, con la direzione dei tecnici dell’Opificio e di quelli della Soprintendenza competente. Mentre la Scuola Edile di Arezzo e la francese Scuola Edile di Poix Terron delle Ardenne, grazie ad un progetto Erasmus, si sono occupate del risanamento del muro esterno della chiesa. Nel 2019 è stato presentato il restauro della statua di San Pietro, poi i lavori si sono interrotti nel 2020 per un periodo a causa dell’emergenza pandemica.

Adesso finalmente l’opera di Agnolo di Polo torna, in tutta la sua magnificenza, a disposizione dell’intera comunità terranuovese e valdarnese. All’inaugurazione che si terrà mercoledì 29 marzo a partire dalle 17.00 saranno presenti: Enrico Gilardoni, per la Soprintendenza ABAP per le province di Arezzo, Siena e Grosseto, il dirigente Gabriele Nannetti, e il funzionario di zona, Jane Donnini,  Emanuela Daffra, Soprintendente ad Interim dell’Opificio delle Pietre Dure, Laura Speranza, Direttrice del Settore Restauro materiali ceramici, plastici e vitreri, Andrea Cagnini, Direttore Diagnostica non invasiva del Laboratorio scientifico dell’Opificio delle Pietre Dure, Andrea Bigazzi, Direttore CFSE di Arezzo, Il sindaco Sergio Chienni e l’assessore alla cultura Caterina Barbuti del Comune di Terranuova, Paola Francioni, presidente dell’Associazione Pro Artibus.

Dopo sei anni di lavoro, impegno e passione di tutti coloro che hanno contribuito a raggiungere questo importante obiettivo il gruppo di terracotta torna alla comunità.

Articoli correlati