02, Febbraio, 2023

Bunker Valentin. lo sterminio nazista attraverso il lavoro forzato. Il volume verrà presentato a Terranuova

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Terranuova Bracciolini dedica il mese di gennaio ai temi riguardanti la Giornata della Memoria e lo fa attraverso alcuni appuntamenti. Domani, sabato 21 gennaio alle 17 nella sala consiliare, verrà presentato il il libro che indaga il lavoro forzato degli Internati Militari Italiani (IMI) nei lager del Terzo Reich: Bunker Valentin. Lo sterminio nazista attraverso il lavoro forzato, pubblicato da Edizioni Chartesia e scritto da Orlando Materassi e Silvia Pascale.

Orlando Materassi, coautore:” Il bunker Valentin era un luogo di sterminio nazista attraverso il lavoro forzato, per la cui costruzione furono impiegati circa 12.000 schiavi di Hitler, sfruttati in molti casi fino alla morte. Prigionieri e lavoratori coatti di molte nazionalità in particolare sovietici e 6.000 Internati Militari Italiani, cioè i militari italiani fatti prigionieri dopo l’8 settembre 1943 che si rifiutarono di aderire al nazifascismo e per questo deportati nei lager del Terzo Reich senza tutela della Croce Rossa Internazionale, subirono violenze e sofferenze disumane per circa due anni. Per la Germania nazista erano considerati degli stücke che vennero inseriti nell’economia di guerra tedesca. Più di 1.600 troveranno nel cantiere del bunker la morte, tanto che le pareti dell’imponente struttura possono considerarsi un cimitero. La realizzazione del bunker è stata considerata un’avanguardistica e imponente costruzione all’interno della quale si sarebbero dovuti assemblare sommergibili U-Boot di tipo XXI importanti per la guerra navale tedesca.”

Il libro, tratta lo storia del padre di Orlando, Elio Materassi, giovane soldato italiano fatto prigioniero dalla Wehrmacht il 12 settembre 1943 a Monza, venne prima deportato in Polonia e poi in Germania, nel lager Heidkamp II nella zona di Bremen-Farge. È in questo scenario di fame, freddo e morte che trascorrerà molti lunghi mesi sfruttato come lavoratore forzato al cantiere per la costruzione del bunker Valentin. Gli autori, attraverso lo studio di documenti inediti tedeschi e l’archivio della famiglia Materassi, sono riusciti a evidenziare come questa particolare zona, finora poco studiata, non era soltanto un luogo di prigionia, ma un enorme campo di sterminio parcellizzato in campi satellite.

Articoli correlati