24, Maggio, 2024

Pronto soccorso: la Regione accoglie le proposte della Asl Toscana sud est per operatori e medici

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Stabilizzazione degli operatori 118, incentivi per i medici dell’emergenza urgenza e agevolazioni per quelli che sceglieranno di lavorare nei pronto soccorso degli ospedali periferici: ono alcuni degli esiti emersi dalla riunione che si è tenuta ieri fra i vertici della Regione Toscana, l’assessorato alla sanità e l’Area Vasta Toscana Sud est. Per la Asl Toscana Sudest erano presenti la direttrice sanitaria Simona Dei e il responsabile del Dipartimento di emergenza urgenza, Massimo Mandò.

Fra le novità valorizzazione degli incarichi professionali del personale medico del pronto soccorso e la forte integrazione con i medici di continuità assistenziale.

“Proposte che la Regione ha accolto considerando il pronto soccorso il motore dell’ospedale – spiega Massimo Mandò – La proposta prevede che tutti i medici ospedalieri dei vari reparti partecipino al funzionamento del pronto soccorso dando una mano. Per i neoassunti in area medica o in specializzazioni affini sarà previsto un periodo di lavoro in pronto soccorso”.

“In questa riunione – prosegue il responsabile Deu – è stato riconosciuto il ruolo del pronto soccorso al centro del sistema e dell’ospedale, per questo oltre a una delibera è intenzione della Regione uscire con un atto legislativo di riforma che permetterà il miglioramento economico, la stabilizzazione dei medici convenzionati e darà, quindi, un futuro anche ai giovani medici”.

 

Articoli correlati