14, Aprile, 2024

Dante Alighieri, un ponte tra Letteratura e Scienza: l’incontro al Vasari con il Prof. Vincenzo Vespri

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Prosegue con entusiasmo il ciclo di incontri sull’illustre figura di Dante Alighieri all’Istituto Vasari di Figline. Sabato 2 marzo, il prestigioso ospite è stato il Prof. Vincenzo Vespri, professore ordinario di Matematica all’Università di Firenze e consigliere del Ministro dell’Istruzione e del Merito per la didattica STEM.

Il tema affrontato durante l’incontro sarà “L’architettura dei mondi ultraterreni di Dante”, un argomento che ha svelato legami inaspettati tra matematica, ingegneria, architettura e letteratura nella Commedia dantesca. Il Prof. Vespri evidenzia quanto il rapporto tra Dante Alighieri e le discipline scientifiche sia più profondo di quanto possa apparire a prima vista. Un esempio tangibile di questa connessione è il riferimento al grande architetto Filippo Brunelleschi, il quale, un secolo dopo la morte di Dante, si sarebbe ispirato alle architetture descritte nelle opere dell’Alighieri per la realizzazione della maestosa cupola di Santa Maria del Fiore.

Ancora più sorprendente è il legame tra Dante e Galileo Galilei, che fu chiamato all’Accademia Fiorentina (successivamente Accademia della Crusca) per tenere due lezioni sulla struttura dell’Inferno di Dante. Le descrizioni fornite dai discepoli del Brunelleschi hanno influenzato il pensiero scientifico di Galilei, evidenziando l’interesse e l’importanza delle opere dantesche anche nel campo della scienza.

Il Prof. Vespri presenterà un Dante antico e nuovo, classico e moderno, rappresentando un vero e proprio ponte tra Letteratura e Scienza. Il suo approccio multidisciplinare e il pensiero critico si pongono come un esempio per gli studenti dell’Istituto Vasari, ispirandoli a esplorare connessioni inaspettate tra le diverse aree del sapere.

Gli incontri sull’opera di Dante Alighieri al Vasari si confermano, quindi, non solo come momenti di approfondimento culturale ma anche come spunti per riflettere su come le idee del grande poeta possano continuare a influenzare e ispirare le diverse discipline, creando un dialogo fecondo tra passato e presente.

Articoli correlati