03, Luglio, 2022

IL SONDAGGIO DI VPOST

Dove vorresti fosse organizzato il mercato settimanale del tuo comune?

IL SONDAGGIO DI VPOST

Dove vorresti fosse organizzato il mercato settimanale del tuo comune?

Zona industriale di Laterina, la Sinistra presenta una interpellanza sugli aspetti ambientali e sanitari

Più lette

In Vetrina

La capogruppo Rossella Lattanzi: “Richiesto anche un Consiglio comunale aperto sulle problematiche dell’area”

La situazione sanitaria e ambientale della Piana di Laterina al centro di una interpellanza presentata in Consiglio comunale dalla capogruppo della Sinistra per Laterina e Pergine, Rossella Lattanzi. "Abbiamo anche richiesto un Consiglio aperto sul tema, per parlarne con i cittadini: vigileremo affinché venga convocato", commenta Lattanzi. 

La questione riguarda in particolare la "Sampa, ditta di recupero e affinazione metalli preziosi con sede nella Zona Industriale di Laterina", si legge nell'interpellanza. Ad agosto l'azienda ha presentato richista "di modifica sostanziale dell'atto autorizzativo del 2014 concesso dalla Giunta provinciale di Arezzo per la compatibilità ambientale del progetto dell'epoca, “senza aumento dei quantitativi di rifiuti da trattare nell'impianto”, modifica con la quale si propone di avviare l'attività di trattamento termico (incenerimento) di scarti di lavorazione di metalli preziosi anche in conto terzi, con conseguente modifica sostanziale delle emissioni in atmosfera ed effetti innegabili sulla qualità dell'aria ambiente", sostiene Lattanzi nel testo. 

La capogruppo della Sinistra ricorda "la situazione sanitaria ed ambientale della “Piana” di Laterina, che non risulta affatto rosea", e chiede "un monitoraggio sanitario/epidemiologico della popolazione e dei lavoratori della zona" oltre che il "controllo della qualità dell'aria e per una verifica sull'eventuale inquinamento delle falde acquifere". Nel testo si ricordano i precedenti di ordinanze sindacali (giugno 2010) per "vietare temporaneamente l'utilizzo degli impianti della ditta di che trattasi, collegati alla emissioni di diossine"; e si citano anche "gli ultimi eventi resi noti da alcuni cittadini residenti, verificatisi nel corso delle prime ore del mattino dei giorni giovedì 20 e venerdì 21 settembre, che hanno segnalato la presenza di forti emissini odorigene moleste rilasciate direttamente da fonti puntiformi site nell'area industriale". 

Alla luce di tutto questo, l'interpellanza chiede a Sindaco e giunta "di conoscere come intende muoversi, vista la delicatezza della questione che riguarda la salute delle persone che abitano e lavorano nella zona in oggetto, avuto riguardo al fatto che il Sindaco è il responsabile primo della condizioni di salute della popolazione e la massima autorità sanitaria nel suo territorio". 

 

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati