28, Giugno, 2022

“Uffizi diffusi, il sindaco Vadi e l’assessore Franchi incontrano il direttore Schmidt

Più lette

In Vetrina

“C’è la possibilità concreta che si apra un percorso importante per la città. Mai come oggi serve puntare sulla diffusione del patrimonio artistico e sulla sostenibilità del turismo. L’idea era stata lanciata nel 2015 dall’ex consigliere Francesco Carbini e poi rilanciata pochi mesi fa

Il Sindaco di San Giovanni Valdarno, Valentina Vadi e l’assessore alla cultura Fabio Franchi incontreranno il 5 gennaio il Direttore della Galleria degli Uffizi, Eike Schmidt, per parlare del progetto “Tanti Uffizi”. L’idea, alla quale l’Amministrazione comunale sottolinea di lavorare dal mese di maggio, è quella di fare della città di San Giovanni una delle sedi in cui portare parte del patrimonio artistico della Galleria degli Uffizi.

“L’idea di collocare una parte della collezione degli Uffizi in tanti luoghi della nostra regione è stata colta da questa Amministrazione come un’opportunità straordinaria di promozione del territorio e del turismo, quando queste attività potranno tornare a regime – dichiara il Sindaco Valentina Vadi – Da tempo stiamo lavorando affinché del progetto annunciato nei mesi scorsi dal Direttore degli Uffizi possa realmente farne parte la nostra città. L’appuntamento del 5 gennaio con il Direttore Schmidt è per noi un riconoscimento e un segnale importante in cui avremo l’opportunità di far conoscere le caratteristiche del nostro Comune, collocato ai confini dell’area metropolitana fiorentina con forti legami culturali con la città di Firenze, in quanto Terra Nuova del contado fondata nel 1299”.

“San Giovanni è città di arte e di cultura e anche in questi mesi di emergenza sanitaria ha confermato questa vocazione, con iniziative ed eventi di rilievo organizzati con le modalità consentite dalla normativa anti Covid. In queste festività natalizie i videomapping presenti in Piazza Cavour e Piazza Masaccio, dedicati a Dante e a Beato Angelico, collegati al Florence Light Festival, e le videoproiezioni su Casa Masaccio che hanno portato “fuori” dal Museo la mostra allestita all’interno e dedicata al regista Jean Marie Straub, ne sono un esempio importante" sottolinea il Sindaco, Valentina Vadi.

"Da tempo – aggiunge la prima cittadina – l’Amministrazione è impegnata per la valorizzazione dei musei cittadini e, in questa prospettiva, a giugno, ha risposto all’appello del Direttore degli Uffizi, Eike Dieter Schmidt, con una lettera in cui mette a disposizione il Museo delle Terre Nuove e Casa Masaccio come luoghi espositivi per il progetto degli Uffizi diffusi". Alla lettera inviata dal Sindaco di San Giovanni Valdarno il 9 di Giugno, il Direttore degli Uffizi ha risposto qualche giorno fa, dichiarandosi lieto di poterlo incontrare.

"L’opportunità di delocalizzare parte del patrimonio artistico e culturale dei grandi centri come Firenze al fine di promuovere un turismo sempre più diffuso, credo che oggi sia una questione quanto mai dirimente che porterebbe a decongestionare alcuni luoghi delle città toscane favorendo una crescita culturale sempre più diffusa – continua il Sindaco Vadi – Quella di Schmidt è una proposta che questa Amministrazione ha condiviso fin da subito e per la quale mettiamo a disposizione le nostre sedi museali, la nostra voglia di costruire una politica culturale accessibile a tutti, improntata su uno sviluppo del turismo sostenibile, che guarda alla provincia come un territorio da conoscere e da vivere”.

L’idea di “Uffizi diffusi” è stata lanciata nel 2015 e riportata in auge anche da Francesco Carbini, ex consigliere comunale dell’opposizione, alcuni mesi fa. È di qualche giorno fa, tra l’altro, la costituzione di un Comitato apposito per perorare la causa del trasferimento di alcune opere degli Uffizi in luoghi d’eccezione di San Giovanni come Palazzo d’Arnolfo e Casa Masaccio.

Articoli correlati