28, Novembre, 2022

Terranuova, Paolo Castellucci lascia la maggioranza e fonda un altro gruppo: “Inattuate parti del programma presentato agli elettori”

Più lette

In Vetrina

“E’ con grandissimo rammarico che annuncio di aver lasciato il gruppo di maggioranza “Insieme per Terranuova” per costituirne uno autonomo”, con queste parole Paolo Castellucci annuncia lo strappo con la maggioranza e la creazione di un altro gruppo consiliare. I motivi di tale scelta vengono spiegati dallo stesso Castellucci dopo il Consiglio comunale nel quale aveva presentato tre interrogazioni sul ponte di Piantravigne, sulla potabilizzzazione del Fossato e sulla metanizzazione delle aree che gravitano intorno alla discarica.

“Una scelta che, ben lungi dall’essere velleitaria, è dettata dal fatto che a consiliatura inoltrata, nonostante i solleciti da me fatti in tutte le sedi e verso tutte le figure istituzionali competenti per settore, rimangono inattuate parti del programma presentato agli elettori e sulla scorta del quale fu ottenuto un consenso amplissimo anche per quanto afferiva alla mia candidatura consiliare. Non avendo, come appena detto, potuto risolvere in ambito del gruppo certe tematiche e, considerandomi moralmente e politicamente vincolato al mandato ricevuto dagli elettori, proseguirò la mia attività in ambito consiliare intensificando la mia azione affinché quelle opere e quelle azioni amministrative promesse ai cittadini trovino concreta attuazione”.

“Mi auguro che la mia scelta sia compresa in primis da sindaco e giunta che meglio di tutti sanno quali sono i punti di programma inattuati e spesso neppure affrontati concretamente, specie per ciò che afferisce al complesso insieme delle frazioni comunali che non possono essere considerate marginali rispetto al capoluogo. Resto disponibile ad un confronto costante con tutti nell’interesse dei cittadini tutti; lo farò in maniera positiva e propositiva, lontano da risentimenti, valutando ciascuna delle azioni amministrative alla luce del rispetto del programma elettorale e del pubblico interesse”.

Articoli correlati