13, Luglio, 2024

Terranuova attenta al cuore dei cittadini: il numero dei defibrillatori è tra i più alti della provincia

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

23 dispositivi automatici e 173 persone formate per adoperarli. Il territorio terranuovese si attesta così tra i comuni della provincia di Arezzo maggiormente dotati in fatto di intervento d’urgenza nel settore cardiologico

23 defibrillatori e 173 persone formate appositamente per adoperarli fanno di Terranuova uno dei comuni della provincia di Arezzo maggiormente dotati di dispositivi per intervenire con urgenza nei problemi cardiaci. Gli ultimi saranno installati a Piantravigne, al Palageo e al Tasso. Un vero piano di sicurezza voluto dall'amministrazione comunale: saranno, così, dotati di defibrillatori salva vita i principali centri di aggregazione del capoluogo e delle frazioni.

“Con questi ulteriori acquisti – esordisce il Sindaco Chienni – oggi troviamo defibrillatori funzionanti in tutte le strutture sportive del comune, dallo stadio al parco pubblico attrezzato, dalla palestra delle scuole medie al palazzetto dello sport. Inoltre ci sono dispositivi nelle scuole, sotto il loggiato del Comune, al circolo bocciofilo e in tutte le frazioni del comune, nessuna esclusa”.

“Il lavoro pianificato – spiega ancora il Sindaco – non riguarda solo la fornitura dei dispositivi (13 dei quali sono stati acquistati direttamente dal Comune, mentre gli altri 10 provengono da donazioni di associazioni, aziende e privati che ringraziamo sentitamente), ma anche la formazione dei cittadini in modo che per ogni defibrillatore ci siano almeno da un minimo di 9 a un massimo di 22 persone in grado di utilizzarlo, cosicché sul posto ci siano più figure formate per l’uso del dispositivo”.

Un piano di prevenzione importante vista l'incidenza delle problematiche cardiache nei decessi e quindi la necessità di poter intervenire subito in caso di emergenza.

“I dati Istat relativi all’ultimo anno – ha concluso il Sindaco Sergio Chienni – dicono che ogni anno in Italia circa il 12,5% dei decessi avviene per arresto cardiaco: in questi casi la prossimità di un defibrillatore e il corretto utilizzo dello strumento possono evitare il decesso. Per questo abbiamo potenziato la rete dei dispositivi presenti sul territorio, per questo abbiamo intenzione di continuare in questa direzione facendo del comune un protagonista vero nella tutela della salute del cittadino”.

“Finalmente siamo giùnti alla conclusione di questo importante percorso – commenta Lorenzo Puopolo, assessore alla sanità del comune di Terranuova –  Il cammino è iniziato durante la precedente amministrazione e a coinvolto gli uffici, le associazioni, la Asl, i cittadini, i privati (nelle donazioni) e ha mostrato come la nostra comunità abbia saputo fare squadra nel raggiungimento di questo obbiettivo così significativo. Non mi rimane che ringraziare tutti, un buon governo è possibile laddove la cittadinanza dimostra di possedere importanti valori civici e a Terranuova tali valori sono ampiamente presenti.” 

Articoli correlati