09, Agosto, 2022

Sindaci e Vescovi del Mediterraneo firmano la “Carta di Firenze”. Giunti: “Un momento epocale”

Più lette

In Vetrina

I Sindaci e i Vescovi del Mediterraneo riuniti a Firenze hanno firmato ieri un documento che pone le basi per un percorso di pace, basato su ideali e valori ai quali ispirare il futuro cammino, diminuire discriminazioni e violenze e aprire orizzonti di speranza delle giovani generazioni. La ‘Carta di Firenze’ “non è una legge” ma “profeticamente è qualcosa di più” perché sottolinea “l’aspirazione dei popoli alla pace, alla giustizia, all’uguaglianza dei diritti, alla libertà intesa che sottolinea un bene comune”, ha detto il presidente della Cei, cardinale Gualtiero Bassetti. “Non sono solito usare parole roboanti o essere troppo enfatico ma questa dichiarazione è una conquista storica. È, dunque, un punto di arrivo ma anche un punto di partenza. Il nostro desiderio non è solo portarla al Santo Padre, che ringraziamo perché ci ha sostenuto, ma vogliamo portarla anche ai leader internazionali, ai capi di Stato e di Governo. Cominceremo questo pellegrinaggio perché questa dichiarazione comincia a vivere da oggi”. Lo ha detto il Sindaco di Firenze Dario Nardella presentando la ‘Carta di Firenze’, redatta da sindaci e vescovi del Mediterraneo al termine del forum congiunto in corso nel capoluogo toscano.

Presente agli appuntamenti anche il sindaco di Reggello, Piero Giunti, che ha commentato: “In Palazzo Vecchio abbiamo partecipato a qualcosa di più che un grande evento: abbiamo vissuto un momento epocale. Vescovi e Sindaci del mediterraneo si sono incontrati, si sono ascoltati e hanno generato la “Carta di Firenze” . Essere a Firenze per costruire ponti di dialogo in nome della Fratellanza umana e della Pace: Come avrebbe detto il Sindaco Santo Giorgio La Pira: spes contra spem. Il Mediterraneo non è un luogo geografico, è un luogo dello Spirito, e non ha confini… un luogo che arriva fino all’Ucraina, e con forza dobbiamo dire No alla Guerra” Spero che il lavoro di questi giorni a Firenze ci aiuti a riscoprire lo spirito e l’azione di Giorgio la Pira: la Diplomazia delle città. Le Città sono un insieme di culture, e rappresentano il simbolo della nostra civiltà e della nostra storia. Ai Sindaci delle grandi Città del Mediterraneo presenti è stato affidato il compito di portare la Carta di Firenze nelle Scuole. Credo sia importante accogliere questo invito: anche io nel mio piccolo mi sento coinvolto, e porterò la Carta di Firenze ai ragazzi della nostra scuola di Reggello”.

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati