24, Settembre, 2022

Sicurezza, incontro in Prefettura. Il sindaco: “Il nostro territorio è un po’ più sicuro”

Più lette

In Vetrina

Il tavolo del Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica in Prefettura si è tenuto a Firenze in serata. Garantite unità aggiuntive dei carabinieri

Dopo l'ondata di furti a Gaville e al Cesto e le proccupazioni dei rsidenti il sindaco di Figline Incisa, Giulia Mugnai, ha chiesto la riunione del Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica in Prefettura. Necessari per il primo cittadino cinque interventi: un numero maggiore di forze dell'ordine sul territorio, controllo delle frazioni con le guardie giurate, turno straordinario della polizia municipale fino a 24 ore nel fine settimana, ampliamento della video sorveglianza entro il 2019, aumento dell'illuminazione pubblica al Cesto e richiesta per l'area ex avicolo dell'accensione di lampioni con il passaggio della proprietà dell'impianto al Comune. 

I turni straordinari della Polizia Municipale fino alle 00.30 alcuni giorni alla settimana e i servizi di sorveglianza da parte dei vigili giurati nelle zone di frazione durante tutta la notte sono misure già messe in atto dall'Amministrazione comunale. "Adesso la Prefettura ha garantito che già da alcuni giorni sono attivate unità aggiuntive dei carabinieri che permettono un pattugliamento più frequente e intensivo soprattutto in alcune zone periferiche che sono state maggiormente oggetto di furti come Cesto, Gaville e San Martino".

Giulia Mugnai: "Sono segnali importanti di attenzione perché i cittadini possano sentirsi subito più sicuri. Nelle prossime settimane continueremo a lavorare anche sull'ampliamento dell'illuminazione dove è carente e sull'installazione di nuove telecamere che andranno ad integrarsi ai diversi impianti comunali di videosorveglianza già presenti. Il nostro territorio, grazie al lavoro di tutte le forze dell'ordine e delle istituzioni, oggi è un po' più sicuro e dobbiamo continuare in questa direzione".

Gli investimenti per la videosorveglianza saranno di 30mila euro, somma che va ad aggiungesri ai 130mila già spesi.

Articoli correlati