30, Giugno, 2022

Sarà salvata l’Immacolata Concezione della chiesa di Rendola: accordo fra Diocesi, Comune e Associazione Via dei Musei

Più lette

In Vetrina

A dicembre una lettera era partita da Romeo Romei, cittadino originario di Rendola, alla volta del Vescovo Fontana, per chiedere di salvare l’Allegoria dell’Immacolata Concezione con la Sibilla Persica e la Sibilla Libica, custodita nella chiesa della frazione. Ora l’annuncio dell’accordo

Sarà salvato il quadro di Michelangelo Vestrucci, "Allegoria dell’Immacolata Concezione con la Sibilla Persica e la Sibilla Libica", da anni chiuso all'interno della chiesa ormai abbandonata della frazione di Rendola, nel comune di Montevarchi. Lo scorso mese di dicembre Romeo Romei, originario proprio di Rendola, aveva scritto una lettera all'Arcivescovo Monsignor Fontana, chiedendo di interessarsi alla sorte di questo dipinto, considerato come uno dei più interessanti realizzati dal pittore montevarchino Vestrucci, che fu attivo nella Firenze dei Granduchi.

Ora l'annuncio: il sindaco Silvia Chiassai Martini e il Vescovo di Arezzo-Cortona- Sansepolcro, monsignor Riccardo Fontana, si sono incontrati per trovare una soluzione a questa vicenda, accogliendo l’istanza proveniente dalla comunità. Il dipinto, attualmente in condizioni critiche, sarà affidato all’associazione culturale montevarchina “Via Dei Musei” che si occuperà del restauro conservativo per la messa in sicurezza dell’opera d’arte, promuovendo anche iniziative di raccolta fondi per reperire le risorse necessarie all’intervento.

Una volta ultimato il restauro, l’Associazione restituirà il bene alla Diocesi, alla parrocchia di Rendola e alla sua comunità. “Mi sono fatta portavoce – afferma il Sindaco Chiassai Martini – di questa richiesta di aiuto per il recupero di un’opera che esprime non solo la bellezza artistica di cui il nostro territorio è testimone, ma anche la storia e l’identità di una comunità legata ad un’immagine sacra. Il Comune di Montevarchi sarà il garante di un accordo per salvaguardare il quadro grazie alla sensibilità dimostrata da S.E. Mons. Riccardo Fontana e all’impegno dell’associazione di Via Dei Musei, al solo fine di intervenire concretamente per la valorizzazione del nostro patrimonio artistico di cui la comunità ha bisogno".

"Sono convinta che la cittadinanza, pur in un momento difficile come questo, non mancherà di dare il proprio contributo attraverso le iniziative che saranno proposte per raccogliere i fondi e rendere l’opera di nuovo fruibile a tutti. Ancora una volta, abbiamo voluto rimarcare l’importanza di tutelare i tesori delle nostre frazioni che rappresentano un bene per il territorio", ha concluso Chiassai.

"Quando una comunità ha così a cuore il proprio patrimonio artistico-culturale significa che questo rappresenta un segno forte di identità – sottolinea Monsignor Riccardo Fontana – ben vengano iniziative come queste: una comunità che si prende carico della salvaguardia della propria storia per trasmetterla integra alle generazioni future! Per secoli, le generazioni passate hanno imparato grazie all’azione educativa e pedagogica dell’arte che, grazie alla valenza di artisti come Michelangelo Vestrucci, ha saputo trasmettere conoscenza e, ancor più, sentimenti di gratitudine per quanto veniva loro trasmesso. Grazie, quindi, alla comunità di Rendola per aver promosso questa iniziativa, all’Associazione di Via dei Musei che si prende cura dell’opera, al sindaco Chiassai Martini per averne colto la portata con la consueta sensibilità". 

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati