16, Agosto, 2022

Rigucci si presenta: “Al Montevarchi non potevo dire di no”

Più lette

Prime parole da allenatore dell’Aquila per il nuovo tecnico Atos Rigucci. “Trovo una squadra in salute e un ambiente motivato. Non sono Mourinho, non voglio stravolgere la squadra. ma la mia grinta ve la garantisco”. Soddisfatto il presidente Livi: “Era la nostra prima scelta, arriveranno i risultati”

“Non ho dovuto pensarci molto: al Montevarchi non si può dire di no”. Si presenta così Atos Rigucci, da oggi ufficialmente nuovo allenatore dell'Aquila. “Trovo una squadra in salute. Per ora prometto soltanto che ce la metterò tutta”.

“Sono contento di questa scelta”, dice Rigucci appena prima di dirigere il suo primo allenamento in rossoblù. “Ho trovato un ambiente motivato, tante persone che hanno voglia di far bene. Cercherò di sfruttare il lavoro fatto finora. Siamo a quattro punti dalla prima in classifica, la situazione è buona. Della squadra conosco solo alcuni, i più esperti. Gli altri li incontrerò per la prima volta stasera e domenica mattina faremo la rifinitura”.

“Non sono Mourinho – scherza –, domenica non vedrete grossi cambiamenti tattici. Da martedì invece lavoreremo per dare la mia impronta alla squadra. Di una cosa i tifosi possono star certi: la grinta e la fame che ho avuto da giocatore ce l'ho ancora da allenatore”.

Soddisfatto anche il presidente Angelo Livi per come la società è uscita da 24 ore turbolente: “Picchioni ha manifestato la volontà di non proseguire – spiega –, ci siamo lasciati in armonia. Ringraziamo Gianni per il suo lavoro, è un tecnico serio e preparato oltre che un amico sincero e leale. Abbiamo subito optato per Rigucci: uomo di carattere, ha il nostro pieno sostegno. Siamo sicuri che questa scelta ci darà i risultati che vogliamo”.

Articoli correlati