08, Dicembre, 2022

Per far fronte alla mole di casi la Toscana lancia il tracciamento via sms: già in arrivo 64mila messaggi

Più lette

In Vetrina

Semplificazione nella gestione degli ingressi e delle uscite dall’isolamento in seguito al contagio; aumento dei tamponi antigenici e molecolari su prescrizione medica; potenziamento degli hub aziendali per la somministrazione delle terze dosi; incremento delle strutture intermedie di cura per allentare la pressione sugli ospedali; aumento dello smart working nella pubblica amministrazione almeno fino al 31 gennaio, per contrastare la diffusione del virus. Sono le principali azioni annunciate come novità imminenti dal presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, insieme all’assessore al diritto alla salute Simone Bezzini, al direttore della Direzione Sanità, Welfare e Coesione sociale Federico Gelli e al responsabile regionale del settore sanità e innovazione digitale, Andrea Belardinelli.

Già da domani, mercoledì 5 gennaio, circa 64mila positivi toscani che ancora non sono tracciati riceveranno un sms contenente un link cui collegarsi, per comunicare il proprio stato di salute, rispondendo a 4 domande. La fine dell’isolamento sarà poi comunicata in automatico con una e-mail. Per prenotare il tampone, invece, basterà inserire il codice di riferimento della prescrizione medica sul portale “prenota tampone” e automaticamente il sistema indicherà le opzioni di prenotazione, a seconda che il cittadino sia sintomatico o asintomatico. Per velocizzare al massimo l’esecuzione del tampone antigenico saranno messi a disposizione più canali: farmacie con percorsi preferenziali riservati alle persone con prescrizione medica; ambulatori del proprio medico o pediatra di famiglia; sedi del volontariato accreditato. A breve sarà emanata un’ordinanza, per disciplinare la semplificazione della fine dell’isolamento e del tracciamento, e per potenziare l’offerta dei tamponi.

“Abbiamo dati da record – ha detto Giani – sia per il numero di casi positivi accertati nelle ultime ore, oltre 18mila, che per quello dei tamponi processati, quasi 75mila. L’emergenza sanitaria che stiamo vivendo, e che ci attendevamo dopo questi giorni di festa, ci porta a non abbassare la guardia e a provvedimenti organizzativi d’urgenza, adeguati alla situazione del momento”. Il Presidente della Toscana annuncia la volontà di arrivare a 100mila tamponi al giorno, di aumentare lo smart working nella pubblica amministrazione almeno fino al 31 gennaio per limitare il più possibile i contatti fra le persone, vista la contagiosità della variante Omicron, e di allentare la pressione sugli ospedali aumentando le strutture di cure intermedie, di arrivare a somministrare fino a 35mila vaccini al giorno sottolineando che “i non vaccinati generano l’84% dei ricoveri in terapia intensiva, mentre i vaccinati solo il 6,8%, di cui con la terza dose sono il 2,6%”.

“Chiederò ai rappresentanti del governo – aggiunge infine il presidente – di mantenere il green pass ai positivi già vaccinati, almeno in questi giorni di emergenza, evitando così altre complicazioni e disagi, e di riattivare tutto il meccanismo quando ritorneremo a regime”. I non vaccinati in Toscana sono ancora 416mila, ha ricordato Giani, chiedendo l’introduzione dell’obbligo vaccinale.

“Siamo di fronte ad una fase radicalmente nuova dell’emergenza pandemica, che va quindi affrontata con modelli nuovi e diversi rispetto a quelli usati nei mesi scorsi – spiega Bezzini – a partire da una drastica semplificazione delle procedure che consenta di digitalizzare e automatizzare al massimo i percorsi. Su questo le strutture tecniche stanno lavorando in queste ore, rafforzando al tempo stesso l’intera macchina organizzativa e avvalendosi della strettissima collaborazione delle farmacie, dei medici di medicina generale, dei pediatri di libera scelta e del volontariato. Ci confrontiamo con numeri mai visti, di fronte ai quali è fondamentale essere uniti e fare squadra. Il sistema sanitario è impegnato al massimo con ogni strumento possibile per contrastare la diffusione del virus e la cura di questa malattia”.

Intanto, in Toscana, sono già arrivate 1.440 pillole Merck al Meyer, le prime dosi del nuovo farmaco antivirale approvato per il trattamento del Covid.

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati