20, Luglio, 2024

Meningite, un altro giovane in terapia intensiva a Firenze. Parte l’appello a chi, per San Valentino, era in una discoteca di Arezzo

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Un 21enne è ricoverato nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale di Santa Maria Nuova a Firenze per una meningite di tipo C. Riparte l’appello per la profilassi: allertata anche la Asl8 di Arezzo perché l’uomo, la sera di sabato 14 febbraio, è stato alla discoteca “Disco Tineretului” (non il “Transilvania” come precedentemente indicato)

C'è un altro giovane in terapia intensiva per meningite, in un ospedale fiorentino. A pochi giorni di distanza da un caso del tutto simile, scatta di nuovo il protocollo sanitario che invita alla profilassi chiunque abbia avuto contatti prolungati con la persona malata. 

In questo caso si tratta di un giovane di 21 anni, ricoverato nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale di Santa Maria Nuova a Firenze dove gli esami hanno potuto accertare oggi che è affetto da una meningite causata dal ceppo del batterio di tipo C. 

E questa volta la prima allerta ha riguardato la Asl 8 di Arezzo perché l’uomo, di nazionalità rumena e reduce da poco da un viaggio nel suo paese di origine, la sera di sabato 14 febbraio, San Valentino, era alla discoteca “Disco Tineretului” di Arezzo (non il “Transilvania” come precedentemente indicato – vedi rettifica della Asl8 a fondo pagina). Il servizio di igiene pubblica e prevenzione della Asl 8 ha già avviato la ricerca di quanti hanno frequentato quel locale in occasione di San Valentino.

L'appello a coloro che si siano trovati lì in quelle ore è a presentarsi all’Unità operativa di igiene e sanità pubblica presso l’ospedale San Donato di Arezzo (0575.254969 – 0575.255954 – 0575.255963) per la somministrazione della profilassi antibiotica prevista in questi casi per scongiurare preventivamente la possibilità di contagio.

Già sottoposti a profilassi anche tutti i sanitari, a partire da quelli dell’ambulanza del 118 che lo hanno soccorso portandolo nel pomeriggio di domenica all’ospedale di Santa Maria Nuova.
 

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati