01, Luglio, 2022

M5S: “L’area degli Outlet si allarga. Altri 7.000 metri quadri di verde ceduti al cemento”

Più lette

In Vetrina

Approvata una delibera dal consiglio comunale. Prevista la nascita di altri tre esercizi commerciali, con parcheggi e alloggi ricettivi. “Queste scelte urbanistiche aggravano una situazione già satura nel nostro Comune: la cementificazione rende sempre più vulnerabile dal punto di vista idrogeologico il nostro territorio”

ll consiglio comunale di Reggello approva una delibera per la cessione a privati di circa 7.000 metri quadri di verde a Leccio. I consiglieri Saverio Galardi ed Antonio Ortolani del Movimento 5 Stelle intervengono: “L’area degli outlet si allarga ancora in barba agli interessi del territorio e dei suoi cittadini. L’area del The Mall si allarga ancora in barba agli interessi del territorio e dei suoi cittadini”.

“Questo ennesimo intervento, richiesto da una società privata che ha presentato la richiesta di variante, prevede la creazione di tre nuovi esercizi commerciali, ulteriori parcheggi e 16 alloggi ricettivi che andranno a penalizzare le strutture ricettive esistenti già in difficoltà”.

“Il Movimento 5 Stelle – proseguono i due consiglieri – ha votato contro perché convinto che queste scelte urbanistiche aggravino una situazione già satura nel nostro Comune: la cementificazione rende sempre più vulnerabile dal punto di vista idrogeologico il nostro territorio. Inoltre pensiamo che sia mancata in questi decenni una corretta pianificazione urbanistica che ha penalizzato e non poco anche l’economia locale. Infatti cittadini non ricevono alcun beneficio dagli outlet: le grandi firme ormai assumono personale non necessariamente residente nel territorio, con forme contrattuali discutibili e senza nessun vantaggio economico indotto da acquirenti “compra e fuggi” interessati esclusivamente ai prodotti delle grandi firme”.
 
“Inoltre chi frequenta questi centri commerciali molto raramente s’interessa delle ricchezze culturali e paesaggistiche del nostro territorio e quindi anche le ricadute del turismo sono minime. Cade quindi l’ultima foglia di fico rimasta all’amministrazione comunale. È arrivato il momento di investire seriamente, tutelando le risorse naturali e culturali del nostro Comune, con la valorizzazione dell’agricoltura e del paesaggio. Eccellenze già in parte apprezzate dagli oltre 66mila turisti che ogni anno fanno tappa a Reggello”.
 

 

Articoli correlati