29, Luglio, 2021

Laterina, a gennaio parte il progetto “Beni comuni 4.0” per coinvolgere i ragazzi nella cura dei beni pubblici

Più lette

Un progetto realizzato con l’Istituto “F. Mochi”, sarà attivato da gennaio a Laterina e Ponticino, grazie a un finanziamento regionale. Bambini e ragazzi saranno coinvolti in azioni ed iniziative di cura, uso creativo e miglioramento di luoghi e spazi di proprietà comunale

A Laterina e Ponticino sarà attivato il progetto "Beni comuni 4.0" grazie ad un finanziamento della Regione Toscana: prevista un'attività lavorativa per i giovani del territorio su luoghi e spazi pubblici intesi come beni comuni.

Il piano sarà attivato a partire da gennaio, grazie alla collaborazione tra amministrazione comunale e l'Istituto “F. Mochi”: bambini e ragazzi saranno coinvolti in azioni ed iniziative di cura, uso creativo e miglioramento di luoghi e spazi di proprietà comunale: in questo caso nei paesi di Laterina e Ponticino. Con l’aiuto degli insegnanti e delle famiglie, saranno organizzati incontri, sopralluoghi, laboratori e momenti di confronto.

"Lo scopo principale è approfondire il punto di vista di ragazze e ragazzi sui beni comuni e stimolarne l’impegno civico, anche per contrastare incuria ed atti vandalici sul patrimonio pubblico" – spiega l'amministrazione di Laterina – "Pertanto l'Istituto scolastico e il Comune insieme danno il via ad un’azione sperimentale dedicata specificamente alle nuove generazioni e alle loro famiglie, per riflettere sul rispetto dei beni comuni e sulla fattibilità di una loro gestione condivisa, per ripensare in modo critico gli stili di vita, per sensibilizzare all’adozione di comportamenti consapevoli".

Il valore e l'importanza del progetto sono stati riconosciuti dall’Autorità regionale per Promozione della Partecipazione, che ha concesso all’Istituto scolastico un contributo a fondo perduto per coprire tutti i costi del progetto, in base alla legge regionale n. 46/2013. L'Istituto , tramite bando, ha affidato la gestione e la conduzione delle attività alla Società  Eubios.

 

Articoli correlati