01, Dicembre, 2021

La nuova stagione di spettacoli al teatro di Bucine, una fucina di arti tra musica, poesia ed emozioni

spot_img

Più lette

Presentata la nuova stagione teatrale per il teatro comunale di Bucine: si prospetta un’annata variegata e stimolante rivolta a grandi e piccoli. Ce ne parla il direttore artistico Piero Cherici

Una fucina dove si fondono i metalli nobili della cultura per dare origine a preziosi gioielli, viene così definita la nuova stagione teatrale a Bucine: un ricco assortimento di arti, oltre agli spettacoli, tra musica, poesia, prosa, drammaturgia, pittura, cinema e scultura. Tanti gli appuntamenti e i laboratori creativi con un occhio di riguardo per i ragazzi.

"Quest'anno il nostro teatro sarà un laboratorio dove sperimenteremo diversi percorsi – ha detto Piero Cherici, della compagnia teatrale Diesis Teatrango – sia sul piano artistico sia sul piano di formazione pedagogico e con attività rivolte esclusivamente ai più giovani. Avremo molti ospiti illustri tra cui il trio di Claudia Bombardella, una grande musicista e cantante che lavora e si esibisce con formazioni in tutta Europa e che avremo qui il 23 novembre per l'inaugurazione della stagione; ci soffermeremo anche sulla pittura con uno spettacolo su Modigliani il 18 gennaio 2020; sarà presente un teatro di derivazione più classica con "Le Sedie" di Ionesco il 29 novembre e molto altro ancora"

 

 

 

"L'attenzione verso i ragazzi è una caratteristica che ha contraddistinto il teatro di Bucine negli ultimi anni e non mancherà neanche quest'anno – continua Cherici – il programma è ricco di attività rivolte a loro, a partire dal cinema nella seconda parte della stagione con due film di animazione scelti appositamente per tematiche e argomenti. Inoltre, c'è un rapporto consolidato con l'Istituto Comprensivo di Bucine con progetti importanti come una settimana di lezioni in teatro, il quale si svolge ormai da quattro anni: i ragazzi sono seduti sul palcoscenico mentre l'insegnamento viene svolto dai professori accanto ad attori e registi, consentendo, così, una tipologia di formazione importante e innovativa rispetto alla consueta didattica scolastica."

"Vi invito, dunque, tutti a partecipare in quel luogo accogliente ed inclusivo che è il teatro – conclude Cherici – vi aspettiamo qui per la serata inaugurale del 23 novembre, alle 21.15 e nelle altre serate in cui, insieme, ci avvicineremo e manterremo alto il valore socioculturale del mondo del teatro." 

 

Articoli correlati