28, Giugno, 2022

“Il nostro voto favorevole frutto di un dibattito approfondito”: sull’ipotesi Comune unico la posizione di ‘Il futuro insieme’

Più lette

In Vetrina

“Maggioranza e opposizione hanno collaborato per arrivare al testo finale, che ha ricevuto la nostra approvazione”, precisano i consiglieri di minoranza. Che avevano chiesto di aprire anche alla possibilità di unirsi con Arezzo, pur mantenendo la municipalità di Castiglion Fibocchi

Una decisione maturata a seguito di un dibattito che ha portato ad un documento condiviso in Consiglio comunale: così il gruppo "Il futuro insieme" motiva il proprio voto favorevole sulla proposta del comune unico avanzata dal gruppo di maggioranza. "Una scelta frutto di dibattito e che è stata raggiunta grazie alla disponibilità congiunta di limare alcuni passi della mozione e di inserire nostre posizioni, che erano state presentate in un emendamento, ritirato, presenti nel testo finale". 

"Le motivazioni del nostro gruppo – spiegano i consiglieri di minoranza – sono ravvisabili nella possibilità di mantenere nel tempo la municipalità, superando il modello delle unioni che per un comune sotto i 3000 abitanti, come il nostro, svuota l'ente di funzioni che sono l'espressione diretta della gestione amministrativa e per poterci garantire un vantaggio, anche, di natura economica". 

"A garanzia del territorio e dei cittadini – aggiunge il gruppo 'Il futuro insieme' – abbiamo chiesto che siano vagliate tutte le possibilità di istituire tavoli di confronto con più comuni che potrebbero essere interessati, anche Arezzo, precisando che tale nostra proposta vuole comunque garantire il ruolo fondamentale del Comune sul territorio senza diventare una periferia alla periferia".

L'ipotesi di fusione con Arezzo non ha però trovato riscontro fra la maggioranza. "Su questo non abbiamo trovato convergenza, perché l'amministrazione non ritiene percorribile la possibilità di unificarci ad Arezzo ma continueremo a discutere e trovare la soluzione migliore per il nostro territorio. Tutto questo dovrà essere vagliato e trovare la massima diffusione e partecipazione dei cittadini che sono sovrani e a cui resta l'ultima e definitiva decisione". 
 

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati