26, Novembre, 2022

Il Galli Terranuova riporta Daniel in Valdarno

Più lette

In Vetrina

Il classe 1992 sarà il play dei biancorossi per la prossima stagione. Cresciuto nel vivaio della Fides Montevarchi, ha completato le giovanili tra Casalpusterlengo e l’Olimpia Milano. Per lui anche presenze in Legadue

Il Galli Terranuova riporta in Valdarno Yerandy Daniel: è il montevarchino il playmaker scelto dal club biancorosso per sostituire Andrea Tracchi. Alla corte di coach Nardi arriva anche il pivot Matteo Falsini dalla Synergy San Giovanni.

Ci voleva un nome altisonante per prendere il posto del top scorer e miglior giocatore dello scorso campionato di Serie C. L’arrivo di Daniel è quanto di meglio potessero desiderare i tifosi terranuovesi per la loro prima stagione in Dnc. Classe 1992, l’italo-cubano è cresciuto nelle giovanili della Fides Montevarchi mettendosi in luce come uno dei migliori talenti nazionali, tanto da essere ingaggiato giovanissimo dall’Assigeco Casalpusterlengo per il suo prestigioso settore giovanile (lo stesso in cui, non troppi anni fa, è cresciuto Danilo Gallinari). Con Casalpusterlengo Daniel esordisce anche in Legadue e nella stessa stagione disputa il torneo Under 17 con l’Olimpia Milano. Daniel ha disputato le successive stagioni a Piadena in Dnc, con il Derthona in Dnb e, l’ultima, a San Severo, nella C regionale pugliese. Esigenze personali lo hanno spinto a riavvicinarsi a casa e dunque il Galli non si è fatto sfuggire l’occasione.

Sotto canestro arriva Falsini, lungo classe 1984 ben noto agli appassionati di basket valdarnese per la sua lunga militanza con la Synergy e che ora avrà l’occaisone di confrontarsi con un campionato nazionale. A lui il compito di rimpiazzare Giacomo Donato, costretto a saltare la prima metà di campionato per un infortunio alla spalla che ha richiesto anche l’intervento chirurgico.

Confermati gli altri: i fratelli Lorenzo e Andrea Dolfi, Enrico Baldi, Giacomo Berlingozzi, Marco Buccianti, Ardit Hoxha e Lorenzo Rogai. Saluta Terranuova invece Stefano Ratta, costretto a rinunciare per impegni lavorativi.

Articoli correlati