24, Settembre, 2022

Grasso durissimo nella replica al Pd: “Il vostro schifo sta distruggendo il partito, se la destra vincerà sarà colpa vostra”

Più lette

In Vetrina

“Non votate Grasso, lo abbiamo abbandonato al suo destino”, avevano scritto gli esponenti del Pd locale. Frasi che hanno scatenato l’ira del sindaco uscente: “Sono questi i traditori che invece di sostenermi hanno votato alle primarie per un candidato di un partito diverso”

Si infiamma nel finale, la campagna elettorale a Montevarchi. E si accende su quello che, fin dai tempi delle primarie di centrosinistra, è stato il duello più duro, che ha creato più lacerazioni e problemi: quello fra Grasso e il Partito democratico. Ieri una nota del Pd di Montevarchi invitava gli elettori di centrosinistra a non votare il sindaco uscente, "per non favorire anche la coalizione di centrodestra"

Parole che hanno suscitato l'ira di Francesco Maria Grasso. "Prendo atto dell'appello di alcuni sedicenti componenti del Pd contro la mia persona e la mia lista. Non una parola contro il centrodestra, come se il male di Montevarchi fosse il mio entusiasmo, la mia lealtà e onestà, e non invece quel manipolo di bugiardi e di traditori che invece di sostenere il proprio Sindaco (di cui dopo votazione unanime avevano riconosciuto il buon governo) o un candidato del Pd, sono andati a concordare “sottobanco” tutto quanto era possibile per abbattermi".

Ed è proprio agli esponenti del Pd che si rivolge Grasso: "Cari amici (si fa per dire), se la destra conquista Montevarchi è per il vostro modo di operare, per lo schifo che avete comunicato ai nostri concittadini e per le liste che avete composto; è per le parole vuote che comunicate in qualche articolo di giornale, facendovi notare solo per la vostra assenza in tutta la campagna elettorale. Ritengo offensivo, accostare la mia persona, il mio entusiasmo e l'amore che ho sempre manifestato per la comunità politica, dove ho militato per tanti anni (essendo socio fondatore e primo Sindaco del Pd di Montevarchi), a formazioni politiche che mi sono sempre state estranee".

"Mi rifiuto di credere – aggiunge ancora Grasso – che le parole di quel comunicato siano state dette da tutte le persone citate nell'articolo; non possono essere state dette da chi ha lavorato fianco a fianco con me in consiglio comunale ed in giunta e con chi ha portato il nome del Pd in piazza, nel Valdarno e nella nostra Regione. Questo documento è stato senz'altro redatto da quel gruppetto che crede ad oggi di gestire il partito, che senza legittimazione alcuna si esprime a nome del Pd di Montevarchi e che in gran parte è fra quei traditori che invece di sostenere il proprio Sindaco o un proprio iscritto hanno votato alle primarie per un candidato di un partito diverso dal Pd, addirittura di opposizione".

"Se i vertici provinciali e regionali pensano di ricostruire il Pd di Montevarchi con questi incapaci e con coloro che hanno tradito una volta, lasciatemi dire che tale scelta sarà suicida e porterà senz'altro a perdere l'Amministrazione della seconda città della provincia. Pertanto non posso che rammaricarmi per le parole politicamente offensive contenute in tale pseudo comunicato e chiedo che vengano resi pubblici i nomi dei veri firmatari. Devo ogni giorno rispondere alle offese di una banda di incompetenti della politica, asserragliati dentro le onorate stanze della casa del popolo di via Burzagli, per difendere l'onore dei tanti militanti che oramai hanno ben chiaro a quale squallore politico siamo giunti". 

Poi la stilettata finale: "Dopo aver umiliato un'Amministrazione ed un Sindaco che avevano a detta degli stessi positivamente operato, e distrutto la reputazione di un partito che a Montevarchi aveva raggiunto il 60% alle europee ed il 49% alle regionali, questi incapaci fanno di tutto per far perdere le elezioni al Pd di Montevarchi. Pertanto cari elettori credo davvero ed in coscienza che il voto a Francesco Maria Grasso sia un ottimo voto per una Amministrazione onesta, leale e trasparente, per difendere veramente l'onore del Pd di Montevarchi attraverso la scelta diretta di noi cittadini di Montevarchi".
 

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati