28, Novembre, 2022

Giornata finale del progetto Oxy curato dalla Misericordia Valdambra: ad Ambra le simulazioni di forze dell’ordine e volontari per i bambini

Più lette

In Vetrina

Un tentativo di scippo, un incidente, un malore e un incendio: queste le dimostrazioni che hanno animato la giornata finale del progetto Oxy promosso dalla Misericordia Valdambra nelle scuole di Bucine, Ambra e Pergine, giunto al quarto anno

Il parcheggio dei giardini della Rimembranza di Ambra si è trasformato nel luogo delle dimostrazioni di forze dell’ordine e associazioni di volontariato per la conclusione del quarto anno del Progetto Oxy. Promosso e organizzato a livello locale dalla Misericordia Valdambra, è indirizzato ai bambini delle scuole dell’Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado dell’Istituto Comprensivo di Bucine: quest’anno più di 450.
 
Obiettivo principale del progetto non è solo quello di creare piccoli soccorritori, ma una mentalità nei bambini su come affrontare situazioni di emergenza, un aspetto che dovrebbe entrare in modo stabile nel loro bagaglio di conoscenze, per diventare cittadini e adulti consapevoli. Il progetto Oxy si articola con lezioni in classe durante l’anno da parte degli operatori della Misericordia per insegnare ai ragazzi dai 5 ai 13 anni le tecniche di primo soccorso e cosa fare in caso di incidente o malore. A conclusione di ogni anno scolastico, appuntamento tutti insieme ad Ambra.
 
Prima delle dimostrazioni, i bambini hanno potuto osservare da vicino le attrezzature e i mezzi di Polizia dello Stato, Arma dei Carabinieri, Vigili del Fuoco, Corpo Forestale dello Stato, i volontari della Protezione Civile e La Racchetta, Guardia di Finanza e Vigili Urbani, oltre alle associazioni Frates e Avis. Dopo i saluti del nuovo sindaco Pietro Tanzini e del dirigente scolastico Nicoletta Bellugi, sono iniziate le dimostrazioni: uno scippo, un incidente, un malore e un incendio.
 
Oltre ad aver introdotto in Valdarno il progetto Oxy, da due anni la Misericordia Valdambra è diventata centro di riferimento e formazione per istruire altri operatori e attivarlo anche in altre scuole del territorio: un esempio è stata la formazione dei volontari della Misericordia di Cavriglia, che hanno concluso la settimana scorsa l’attività con i ragazzi.
 
 

Articoli correlati