08, Agosto, 2022

Ex Bekaert: a firmare il preliminare d’acquisto è stata la GE Group Srl. “Progetto per una nuova comunità energetica”

Più lette

In Vetrina

Esce allo scoperto l’azienda che ha firmato il preliminare d’acquisto per il sito ex Bekaert di Figline. Si tratta della GE Group Srl, azienda con sede a Bagno a Ripoli, che opera nel campo dell’efficienza energetica e delle energie rinnovabili, occupandosi di solare, biomasse, fotovoltaico, illuminazione led e idrogeno.

In una nota, l’azienda spiega che il progetto per il sito figlinese coinvolgerà più società, e che punterà a realizzare “una nuova economia circolare all’interno di una comunità energetica autosufficiente”, dunque operando nel comparto dell’energia rinnovabile, e afferma anche che l’obiettivo è “di creare nuovi posti di lavoro nel territorio, raccogliendo l’appello della Regione e delle Parti Sociali nel riassumere il personale licenziato dalla Bekaert e tutt’ora senza impiego”. Altri dettagli però saranno resi noti solo più avanti.

La nota dell’azienda, qui sotto in versione integrale:

“A seguito dell’incontro con le parti Sociali e con le Istituzioni avvenuto ieri 4 agosto 2022 in merito al progetto di reindustrializzazione dello stabilimento Ex Bekaert, si comunica che la nostra società ha formalmente avviato un progetto di riqualificazione dell’area con la sottoscrizione di un preliminare di acquisto dell’immobile con la società Bekaert.
Nei prossimi giorni si darà avvio alla Due Diligence per le dovute verifiche.
Il progetto, in partecipazione con diverse società di eccellenza, verte a creare una nuova economia circolare all’interno di una comunità energetica autosufficiente, creando nuovi processi e innovazione per il futuro.
La Società Ge-Group srl ha il ruolo di sviluppare tutte le condizioni autorizzative, economiche, finanziarie e progettuali per dare vita al primo progetto di economia circolare totalmente autosufficiente in Italia.
L’obiettivo principale del progetto è quello di creare attività innovative proiettate verso una nuova economia sostenibile, ma soprattutto di creare nuovi posti di lavoro nel territorio, raccogliendo l’appello della Regione e delle Parti Sociali nel riassumere il personale licenziato dalla Bekaert e tutt’ora senza impiego.
Al fine di mantenere il massimo riserbo e rispetto verso tutti i soggetti coinvolti, sarà comunicata prossimamente la data della presentazione ufficiale del progetto con un confronto pubblico su tutti i dettagli.
Ringraziando sentitamente le Parti sociali e le Istituzioni per la possibilità di confrontarsi proficuamente sul progetto rimandiamo al prossimo comunicato per la data della presentazione”.

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati