26, Giugno, 2022

Continua lo scontro tra Socialisti e Pd dopo il rimpasto di giunta. Botta e risposta tra Ciucchi e Lorenzini

Più lette

In Vetrina

Prosegue la polemica a distanza tra Socialisti e Pd, dopo il rimpasto di giunta che è costato il posto all’assessore Buonamici. Ciucchi: “Dimenticate le buone maniere della politica”. Il sindaco Lorenzini: “Stupisce leggere le reazioni del PSI. La sostituzione è per favorire il ricambio generazionale”.

Non si placano le polemiche tra Socialisti e Pd, dopo il rimpasto di giunta attuato dal sindaco Daniele Lorenzini che ha sosituito Giuliano Buonamici con Tommaso Cipro. 

Pieraldo Ciucchi, ex consigliere regionale socialista, replica al Pd: "“Il PD di Rignano – attacca – mi tira in ballo personalizzando una risposta che doveva essere rivolta al Psi del Valdarno f.no. E ora si balla! Quella dei Democratici appare giusto appunto,  una risposta politicamente debole – Aldo Moro definiva gli accordi fra partiti, quando ufficialmente sottoscritti, "il sale della politica. Per questo, evocano più la preistoria accordicchi volti a sviluppare azioni trasversali, quelle che mescolano campi politici diversi per cultura e tradizione politica. Accordicchi che hanno rappresentato la bussola del Pd di nuovo conio, finalizzati a scalare il potere per esercitarlo autoritariamente piuttosto che declinarlo a servizio del bene comune. Un potere bulemico – conclude Ciucchi – che lo porta a rappresentarsi in modo arrogante e a dimenticare, come nel caso Sindaco di Rignano che ha dimissionato Buonamici, le buone maniere della politica".

Non si fa attendere la replica dei Democratici e a prendere la parola è direttamente il sindaco Daniele Lorenzini che spiega le motivazioni della sostituzione di Buonamici: “Rispondo, in prima persona, per la prima e ultima volta cercando di fare un po' di chiarezza sulla sostituzione dell'assessore Giuliano Buonamici”.

“Ho iniziato la mia legislatura nel 2012 – ricorda Lorenzini – con una Giunta composta da tecnici e politici esperti, una scelta iniziale fatta per essere integrata da nuove esperienze negli anni successivi tanto che ho comunicato pubblicamente, fin da subito, che avrei cambiato la squadra nel corso della stessa legislatura. Coerentemente a ciò, già nel 2014, ho inserito in Giunta due giovani politici del Pd che avevano riscosso un buon risultato nelle primarie del 2012; in questo contesto, nello scorso autunno, rinnovo a Giuliano le mie intenzioni di cui informo prontamente i riferimenti della lista Pd – Riformisti Toscani, Mario Spolverini e il segretario nazionale PSI. In questo 2015, rimaste ferme le mie volontà di far crescere un nuovo gruppo dirigente rignanese, ho sostituito l'esperto Giuliano Buonamici che, dopo 40 anni di impegno politico tra consigliere e assessore, ha lasciato il posto a un giovane 27enne che aveva già proprie esperienze in amministrazione, risultando anche uno dei più votati alle ultime amministrative. Per una forma di rispetto personale ho preferito far terminare l'iter del bilancio allo stesso assessore Buonamici, ringraziandolo pubblicamente prima in Consiglio e informandolo poi della scelta fatta per la Giunta”.

“Stupisce quindi leggere le reazioni della sezione Valdarno del Psi a cui, probabilmente, manca un collegamento interno tra i suoi stessi aderenti, un dialogo che non può essere risolto dal Sindaco di Rignano sull'Arno che ha operato sempre in perfetta trasparenza con tutti i protagonisti e la cittadinanza” chiosa il sindaco di Rignano.
 

Articoli correlati