28, Settembre, 2022

Doppia inaugurazione nel fine settimana per la strada della Montanina e piazza Berlinguer

Più lette

In Vetrina

Taglio del nastro per la piazza di Cavriglia sabato 3 agosto alle 21.30, per la strada della Montanina, invece, domenica 4 agosto alle 12.00 con passaggio di auto e moto d’epoca

Doppia importante inaugurazione tra sabato e domenica nel territorio cavrigliese: dopo ben 25 anni è stata risanata la strada della Montanina, quella che collega Meleto a Santa Barbara, e verrà riaperta dopo i lavori alla circolazione e poi la piazza principale di Cavriglia che ha ottenuto un nuovo look. 

Sono terminate le opere al cantiere che permetterà il definitivo ripristino della frana che interessava da molti anni la strada che porta da Meleto Valdarno alla Montanina. Dopo lo spostamento dei sotto servizi la ditta ha asfaltato la nuova arteria, installato la nuova illuminazione e la strada potrà dunque riaprire al pubblico. L'Amministrazione Comunale ha scelto la data simbolica di domenica 4 agosto alle 12 per il taglio del nastro della strada: nella mattina è previsto infatti il raduno di auto, moto e vespe d'epoca all'interno delle Feste del Perdono del capoluogo e sarà proprio questo corteo di veicoli a percorrere per primo i chilometri che separano la frazione di Meleto da Santa Barbara.

“La soddisfazione è duplice” – ha affermato il Sindaco Leonardo Degl'Innocenti o Sanni -”Perchè riconsegnamo un'altra opera alla cittadinanza che era in attesa da molto tempo, ma anche perchè abbiamo saputo reperire come Amministrazione Comunale risorse extra bilancio. Per risolvere le criticità della strada della Montanina serviva un intervento complesso e oneroso, divenuto possibile grazie al progetto presentato dall'Amministrazione Comunale di Cavriglia e finanziato dalla Regione Toscana. L'occasione del raduno di auto e moto d'epoca è ideale per la riapertura della strada dopo circa 180 giorni di chiusura, ma adesso i problemi sono risolti in modo definitivo.”

Il 3 agosto alle 21.30, invece, sarà inaugurato il nuovo volto di piazza Berlinguer. Il cantiere ha visto il recupero del “cuore” del capoluogo e di via Roma, via Ponte di Sasso e via Cervia. Nelle vie adiacenti alla piazza, per recuperare la pavimentazione danneggiatasi nel corso degli anni principalmente a causa degli eventi atmosferici, è stato realizzato un intervento di manutenzione straordinaria attraverso la realizzazione di una diversa pavimentazione. Il cantiere ha interessato anche le quinte che si affacciano sul torrente Cervia e la parte della facciata che sovrasta l’ingresso del Teatro Comunale, dove è stata apposta una nuova pensilina in stile liberty. La spesa complessiva assomma a circa 250 mila euro.

La cerimonia di inaugurazione avverrà durante la processione della “Santa Patrona” per le vie del paese e sarà anche il primo atto di ricollocazione delle sculture del Simposio monumentale “Pietra sublime”, tenutosi al circuito di Bellosguardo fino allo scorso maggio. In piazza Berlinguer saranno collocate due opere realizzate nel corso del Simposio: “Toscana”, di Vighen Avetis, il più grande scultore armeno vivente e già autore de “La Madre dell'Armenia” che è di fronte al Palazzo Comunale, e “Beyond horizon” di Kumiko Suzuki, artista giapponese che si sta imponendo all'attenzione di tutta Italia e che ha già nel curriculum l'esposizione permanente di proprie opere in molte piazze della nostra nazione.

“Stiamo lavorando alacremente – queste le parole del Sindaco Leonardo degl'Innocenti o Sanni – Per migliorare sotto ogni aspetto la qualità della vita dei cittadini. Questo è stato possibile anche attraverso gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria. Lavori fondamentali per la tutela del territorio e per il benessere, ma anche utili ad incrementare la Bellezza di ogni luogo. L'installazione delle opere di “Pietra sublime” è solo all'inizio con questa duplice collocazione. Altri luoghi simbolo della nostra comunità saranno quindi impreziositi con sculture provenienti dal Simposio che ha portato a Cavriglia artisti da dieci nazioni diverse.”

 

Il rapporto dell'Arte e della Bellezza con piazza Berlinguer, il Teatro e la Comunità era iniziato quest'inverno con la collocazione dei dipinti di Giuliano Pini nel Foyer del Teatro. Ora il percorso artistico proseguirà anche all'esterno con le due sculture del Simposio.

 

 

Articoli correlati