01, Ottobre, 2022

Covid-19, Liste civiche sangiovannesi: “Impegnati per l’emergenza e per i cittadini”

Più lette

In Vetrina

Il gruppo consiliare all’opposizione è sempre a disposizione per provvedere alle misure necessarie dettate dall’urgenza, a sostegno dell’amministrazione e della cittadinanza

Sulla difficile situazione che anche il Valdarno sta vivendo per Covid-19 interviene il gruppo consiliare Liste civiche sangiovannesi.

"Consapevoli che questa emergenza pone a dura prova la nostra Amministrazione Comunale, come la vita di tutti noi, il nostro gruppo s’impegna quotidianamente, attraverso il capogruppo consiliare Catia Naldini nell’Ufficio di Presidenza, diventato per l’emergenza un luogo istituzionale di espressione del consiglio comunale, sempre a disposizione per provvedere alle misure necessarie dettate dall’urgenza, a sostegno dell’amministrazione e della cittadinanza".

"Questi i nostri principali contributi, portati in UDP, già dalle scorse settimane, utili e necessari per dare una prima risposta immediata all’emergenza e ai nostri cittadini: azioni istituzionali con un segnale forte di unirtà per le competenze nel rispetto dei ruoli, coinvolgendo sempre, per il periodo di emergenza il consiglio comunale e/o l’Ufficio di presidenza, creando un canale h24 per le comunicazioni ed una forma di “Task Force” che permetta la collaborazione delle minoranze;  azioni a sostegno delle famiglie e dei cittadini con le sospensioni del pagamento per il trasporto scolastico comunale e per gli Asilo Nido comunali e di tutti i tributi locali e tasse comunali e loro riduzione. Attivazione di  un organismo tipo “UNITÀ DI CRISI” per monitorare costantemente le necessità delle famiglie più bisognose, degli anziani, ma anche eventuali problematiche legate alla chiusura delle attività, parcheggi gratuiti e blocco multe".

E ancora: "Azioni per osteggiare la diffusione del virus con supporto alla ASL nelle forme consentite, per velocizzare l’iter che va "dall’intervista epidemiologica” all'attivazione della quarantena domiciliare per contenere il contagio, con opera di informazione e di sensibilizzazione chiara e continua alla cittadinanza con ogni mezzo possibile e accesso a tutte informazioni disponibili e utile ai cittadini per far fronte all’emergenza del momento e magari un numero verde del comune; stretta forte sugli assembramenti, controllo per far rispettare il divieto di assembramenti e ove necessario applicazione delle sanzioni dell’art 650 cp previste per chi viola il decreto: rafforzamento della rete di “assistenza” esistente e di convenzioni fra il sevizio sociale del comune, e altre associazioni e enti per sopperire ai bisogni di ogni genere (viveri , medicinali , supporti psicologici , trasporti e assistenza..). – Rispetto dei protocolli di sicurezza anti-contagio, e di sanificazione dei luoghi di lavoro delle attività produttive, professionali e di tutti gli edifici pubblici; supporto al rifornimento di mascherine al nostro Ospedale e per le esigenze dei nostri cittadini; sanificazione delle strade della città".

 

Articoli correlati