22, Maggio, 2024

Covid-19, il Valdarno aretino passa alla zona arancione. La decisione questa sera

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

La decisione nel corso dell’incontro in videoconferenza tra il Presidente della Regione Eugenio Giani ed i sindaci del Valdarno aretino

Lascia la zona rossa e passa a quella arancione il Valdarno aretino da lunedì 12 Aprile fino alle 14 di sabato 17. Ad annunciarlo ai sindaci è stato il Presidente della Regione Toscana Eugenio Giani durante un incontro in videoconferenza.

Gli 8 Comuni del Valdarno aretino (Bucine Castelfranco Piandiscò, Cavriglia Laterimna Pergine, Loro Ciuffenna, Montevarchi, San Giovanni e Terranuova), dunque, dopo circa un mese passano a restrizioni meno ferree

Il Valdarno aretino è poco al di sopra dei 250 contagi per 100mila abitanti (263): le restrizioni quindi sono state diminuite di comune accordo tra tutti i sindaci del territorio. La situazione non è fuori rischio ma rimana stebile.

Valentina Vadi sindaco di San Giovanni: "E’ appena terminata la riunione del Presidente della Regione con i sindaci del Valdarno aretino. Come già stabilito per il resto della Regione e della Provincia di Arezzo, anche il Valdarno aretino tornerà in zona arancione da lunedì 12 Aprile fino alle 14 di sabato 17 Aprile. Questo significa che numerose attività commerciali potranno riaprire e che oltre alle scuole della infanzia ed elementari, torneranno in presenza anche le scuole medie e le scuole superiori.La situazione continua ad essere critica e difficile, pertanto sarà necessario continuare nel rispetto rigoroso delle regole".

Leonardoi Degl'Innocenti o Sanni sindaco di Cavriglia: "Dobbiamo considerare questa notizia solo come la vittoria di una battaglia, tuttavia dobbiamo continuate a combattere convintamente questo virus non abbassando la guardia e rispettando le regole previste per la zona arancione. Negli ultimi giorni abbiamo registrato un numero di guarigioni dal Covid-19 superiore a quello dei nuovi contagi: questo trend deve continuare per non tornare in zona rossa e quindi è necessario evitare ogni assembramento, sanificare le mani ad ogni occasione e indossare sempre ed in modo corretto la mascherina".

Sergio Chienni, sindaco di Terranuova: "La scelta del Presidente si fonda sul fatto che la Provincia ha un parametro di 201, quindi inferiore ai 250 nuovi casi settimanali su 100.000 abitanti, e il Valdarno pur essendo a 263 è in discesa rispetto al 319 della settimana precedente. È necessario tuttavia anche in zona arancione mantenere la massima attenzione perché la discesa si consolidi".

Simona Neri sindaco di Laterina Pergine: "Tutti i Sindaci del Valdarno Aretino si sono espressi favorevolmente alla zona arancione: siamo attualmente, come intero territorio, poco al di sopra della soglia dei 250 contagi per 100mila abitanti (indice 263) e pertanto abbiamo avuto la possibilità di scegliere di allentare le misure per il nostro distretto. La situazione non è ancora stabile e non siamo fuori pericolo, tutt'altro. Spero che questa zona arancione sia un segnale per tutti noi cittadini, per le attività e per gli studenti ma esorto alla massima prudenza per non peggiorare i dati del contagio. Fino a che la campagna vaccinale non avrà iniziato a dare il suoi frutti e gran parte della popolazione più fragile non sarà in sicurezza la condizione degli ospedali rimarrà critica e non ci sarà colore che tenga".

Le disposizioni

 

Articoli correlati