26, Settembre, 2022

Consiglio comunale in piazza: il giuramento del sindaco, l’insediamento dei gruppi

Più lette

In Vetrina

Rimandata l’elezione del presidente e del vicepresidente del consiglio. Presentata la giunta

Insediato il nuovo consiglio comunale nella seduta che si è svolta in piazza Ficino a Figline. Presentata la nuova giunta e i capigruppo consiliari. Rimandata l'elezione del presidente e del vicepresidente del consiglio.

Laura Orpelli, capogruppo Pd, Umberto Ciucchi, capogruppo "Per Figline e Incisa in Comune"

 

Silvio Pittori, Lega Salvini per Figline Incisa Valdarno, Cristina Simoni, "Per Figline Incisa Valdarno", Lorenzo Naimi, Movimento 5 Stelle.

 

Fumata nera per il presidente del consiglio comunale: Silvio Pittori avrebbe voluto la presidenza affidata a Giorgia Arcamone vista l'esiguità dei voti nei risultati elettorali tra la sua candidtaura e quella di Giulia Mugnai, Lorenzo Naimi sarebbe stato d'accordo e Cristina Simoni avrebbe comunque votato il nome delle opposizioni ma il gruppo Pd in disaccordo ha votato scheda bianca. La votazione si è conclusa con 11 schede bianche e 6 a favore di Arcamone. La votazione è stata rimandata al prossimo consiglio da convocarsi entro 15 giorni.

La seduta ha previsto poi il giuramento sulla Costituzione da parte del sindaco Giulia Mugnai

 

e un breve discorso di insediamento: “Ringrazio tutti i cittadini della loro presenza – ha esordito la sindaca Giulia Mugnai -. Abbiamo scelto di fare il consiglio comunale di insediamento in piazza Ficino come primo piccolo segnale di vicinanza, affinché i cittadini potessero esprimersi in qualsiasi modo, anche attraverso il proprio dissenso. Crediamo ci sia la necessità di essere più presenti: ci è stato chiesto più ascolto e credo che si debba imparare molto dalle criticità del passato. Adesso ci sono tante sfide che ci dovranno vedere uniti, come abbiamo fatto esattamente un anno fa per i lavoratori Bekaert. Dovremo lavorare insieme per ottenere opere fondamentali come il secondo ponte, su cui vi comunicherò presto la data di una assemblea pubblica da fare al Matassino entro poche settimane: servirà per spiegare gli ultimi sviluppi, ma anche per chiedere attenzione su questa opera da parte delle istituzioni competenti; e se non basterà l’attenzione la chiederemo in altri modi”.

Il sindaco ha poi comunicato, estendendo l’invito a tutti i consiglieri comunali, che mercoledì sera sarà nella frazione di Cesto per affrontare il problema dei recenti furti che hanno interessato anche Gaville. Nel suo discorso di insediamento la sindaca è poi tornata sulla vicenda Bekaert, annunciando che domani parteciperà al presidio dei lavoratori: “Abbiamo davanti mesi difficili per questa vertenza, noi saremo con loro perché questa battaglia è viva e ancora tutta da fare affinché lo stabilimento possa essere reindustrializzato e quei posti di lavoro possano rimanere a Figline e Incisa”.

 

 

Articoli correlati