02, Luglio, 2022

IL SONDAGGIO DI VPOST

Dove vorresti fosse organizzato il mercato settimanale del tuo comune?

IL SONDAGGIO DI VPOST

Dove vorresti fosse organizzato il mercato settimanale del tuo comune?

Clinica di riabilitazione, Chiassai: “Ricevo segnalazioni gravi sui controlli anticovid, servono chiarimenti”

Più lette

In Vetrina

Segnalazioni “preoccupanti” da parte dei cittadini in merito alla gestione dei controlli anticovid all’interno della Clinica di Riabilitazione: a riferirli è il sindaco di Montevarchi Silvia Chiassai Martini, che chiede sia fatta la massima chiarezza. “Ho ricevuto preoccupanti segnalazioni da parte di cittadini con familiari ricoverati presso la Clinica di Riabilitazione dell’Ospedale della Gruccia – afferma il Sindaco – Per l’aggravarsi della condizione pandemica, sono state sospese le visite di 30 muniti a settimana il cui accesso ai visitatori avveniva già con green pass e con tampone in stato di validità”.

“Una stretta – commenta Chiassai – che ha amareggiato i familiari considerando anche le conseguenze psicologiche e la solitudine di chi è costretto a stare in ospedale senza ricevere il conforto dei propri cari, ma giudicato inammissibile che la causa della sospensione sarebbe legata all’assenza di controlli costanti del personale da parte della clinica tramite i tamponi. Vengono adottati protocolli stringenti per l’esterno e potrebbero mancare le tutele nei confronti degli operatori che lavorano a contatto quotidiano con i pazienti, come se la pandemia non avesse ancora insegnato niente alla nostra sanità”.

“Tutto il personale che entra ed esce dalla struttura – continua il sindaco – può essere il veicolo principale di contagio involontario per i pazienti e necessita di monitoraggio regolare con i tamponi. Per questo motivo, sono doverosi urgenti chiarimenti in merito e spero vivamente di essere smentita per la gravità delle segnalazioni avute. Le realtà sanitarie che seguono soprattutto i pazienti fragili devono effettuare controlli rigorosi proprio per tutelare la salute dei ricoverati e degli stessi operatori. La responsabilità di seguire comportamenti adeguati per abbattere la pandemia, nel rispetto delle regole di prevenzione, deve essere uguale per tutti ma principalmente per la sanità chiamata ad essere un punto di riferimento per i cittadini e mai la possibile causa di un danno”.

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati