07, Ottobre, 2022

Chiassai invita gli altri candidati ad un confronto sulla sanità. Arriva il primo sì

Più lette

In Vetrina

La candidata della coalizione di centrodestra ha invitato gli altri quattro avversari a un incontro-confronto su “Il futuro della sanità in Valdarno”. Claudio Cincinelli, candidato di Montevarchi Alternativa, ha aderito

L'iniziativa è di Silvia Chiassai, candidata a sindaco della coalizione di centrodestra. Ha invitato i suoi quattro avversari a un incontro-confronto su "Il futuro della sanità in Valdarno", iniziativa pubblica che si terrà martedì 31 maggio alle 21.15 nei locali della Bartolea a Montevarchi.

"Ritengo fondamentale – spiega Chiassai – che venga fatta chiarezza sulla situazione attuale dell'Ospedale della Gruccia e sui rischi di depotenziamento che corre a causa della Legge Balduzzi e delle scelte scellerate fatte dal Pd regionale e dai sindaci del Valdarno. Visto che, nonostante i numerosi confronti, c'è chi continua a nascondere la verità ai cittadini, considero indispensabile invitare i candidati, o chi per loro, a farsi accompagnare da esperti del settore sanitario in modo da poter approfondire gli aspetti derivanti dalle leggi e norme in vigore. Mi auguro che tutti siano disponibili a partecipare e che siano interessati a fare chiarezza, è un diritto dei montevarchini".

La prima adesione è già arrivata. Montevarchi Alternativa e il candidato sindaco Claudio Cincinelli hanno annunciato la parteciazione all’iniziativa, volta a far luce sul futuro della sanità in Valdarno. "La mobilitazione per la salvaguardia della sanità pubblica e del presidio della Gruccia non ha colore e più ampio è il fronte che si oppone a questa deriva scellerata, volta a favorire l’ingresso del settore privato nella strutture pubbliche ed ad un progressivo accentramento dei servizi a discapito dei comuni più lontani dai capoluoghi, meglio sarà per tutti i cittadini. Porteremo alla serata il nostro contributo e le nostre idee per migliorare la qualità e quantità dei servizi offerti e la nostra visione di sanità come diritto irrinunciabile pubblico e diffuso". 

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati