28, Settembre, 2023

Chianti e Valdarno fiorentino, l’estate segna il rilancio degli agriturismi. Saccardi: “Qualità e multifunzionalità”

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Il Chianti e il Valdarno fiorentino segnano una forte controtendenza nell’estate 2023 sul fronte del turismo, rispetto ai dati preoccupanti segnalati a livello nazionale. Stando infatti ai numeri registrati dal Consorzio Colli Chianti Fiorentini i mesi estivi sono stati caratterizzati da un sostanziale “tutto esaurito” negli agriturismi che ha di fatto migliorato il risultato, peraltro ampiamente positivo, del 2022. La denominazione Chianti Colli Fiorentini copre un’ampia fascia collinare in 16 comuni limitrofi a Firenze, compreso il Valdarno fiorentino: Barberino Tavarnelle Val di Pesa, Montespertoli, Certaldo, San Casciano Val di Pesa, Montelupo Fiorentino, Lastra a Signa, Scandicci, Impruneta, Firenze, Bagno a Ripoli, Fiesole, Pontassieve, Rignano sull’Arno, Pelago, Reggello, Figline Incisa.

Tra le novità principali l’incremento di turisti nordeuropei, canadesi, australiani e britannici che hanno fatto registrare un incremento di presenze già dal mese di marzo (+10%) che ha toccato il picco ovviamente in estate (giugno +20%). Come sempre la maggioranza degli ospiti è stata costituita da statunitensi che ancora oggi rappresentano l’80% dei visitatori.

“Gli agriturismi – ha detto la vicepresidente e assessora all’agroalimentare Stefania Saccardi – sono una grandissima risorsa per la Toscana e i dati che ci racconta l’estate del Consorzio Chianti Fiorentino ce lo confermano. Siamo soddisfatti di poter vedere che i sostegni dati al settore, anch’esso messo a dura prova dal periodo della pandemia, hanno sortito effetti più che positivi e gli agriturismi hanno ripreso molto rapidamente con un trend che questa stagione si è rivelato addirittura migliore del 2022 che già era andato molto bene. Gli agriturismi offrono molteplici vantaggi, non solo la possibilità di stare all’aria aperta e avere prodotti di prima qualità e sani, ma essere circondati da un paesaggio unico al mondo, frutto senza dubbio della benevolenza della natura ma anche e soprattutto del lavoro sapiente dell’uomo. Una dimostrazione ulteriore della multifunzionalità dell’agriturismo, che offre una serie di beni e servizi altrimenti impossibili da ottenere, come la tutela del paesaggio, la trasmissione della cultura e delle tradizioni rurali”.

“Siamo molto soddisfatti – ha sottolineato Marco Ferretti, Presidente del Consorzio Chianti Colli Fiorentini – evidentemente, usando una frase che ci sta particolarmente a cuore, abbiamo seminato bene. È bello registrare un aumento di presenze, ma fa particolarmente piacere ottenere conferme da chi già ci conosce. La nostra offerta, unita alle straordinarie potenzialità del Chianti fiorentino, risulta vincente. Siamo già al lavoro per la prossima stagione”.

 

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati