28, Novembre, 2022

Cavriglia, la giunta “congela” gli aumenti della Tari con misure urgenti di sostegno alle famiglie

Più lette

In Vetrina

“Il metodo di calcolo Arera ha spostato in larga misura il peso del tributo dai metriquadrati al numero dei componenti della famiglia: questo significa che per i nuclei monofamiliari o per chi abita in due persone nella stessa abitazione ci sono risparmi, mentre per tante altre famiglie vi sono aumenti anche abbastanza consistenti pur non avendo variato la somma totale da ripartire. Noi abbiamo pensato con una somma messa a bilancio dal Comune di costituire un fondo in sostegno delle famiglie più numerose”. Il sindaco di Cavriglia Leonardo Degl’Innocenti o Sanni spiega con queste parole le motivazioni che hanno indotto l’Amministrazione comunale ad adottare misure urgenti di sostegno alle famiglie per la Tari. “Non possiamo intervenire sul metodo Arera ma la nostra volontà politica è quella di andare incontro alle famiglie con un provvedimento che va ad annullare l’incremento avuto”.

Il criterio di calcolo della Tassa per lo smaltimento dei rifiuti si basa sull’applicazione di un nuovo metro di valutazione basato non solo sulla dimensione della casa, ma soprattutto sul numero dei componenti del nucleo familiare, seguendo il principio secondo il quale sono le persone a produrre i rifiuti e non le abitazioni. E’ comprensibile che le famiglie con 1 o due componenti, rispetto all’anno scorso, hanno avuto un abbattimento della Tari mentre tutte le altre un aumento.

“L’agevolazione consiste nel rimborso di una quota della fattura Tari anno 2022, relativa all’abitazione di residenza, regolarmente pagata, consegnata assieme alla domanda – spiega il sindaco di Cavriglia – Una volta accertata la presenza dei requisiti e formata un’apposita graduatoria in base all’Isee ordinario 2022, si procederà all’applicazione delle agevolazioni sotto forma di rimborso di una quota della spesa sostenuta nell’anno 2022 fino ad un massimo del 20% del totale della bolletta ricevuta e non dell’aumento. Nel caso in cui tale percentuale superi l’aumento subito dal contribuente, il rimborso massimo sarà pari all’aumento stesso, pertanto il rimborso assegnato non potrà essere in nessun caso superiore al totale dell’incremento tra la Tari 2021 e la Tari 2022″.

 

Per poter accedere all’agevolazione è necessario: essere residenti nel Comune di Cavriglia, essere intestatari di una utenza domestica Tari residente, non aziendale, presentare una dichiarazione Isee ordinaria 2022 in corso di validità, priva di omissioni o difformità, pari o inferiore a 25.000 euro, essere in regola con i pagamenti Tari 2022.

Successivamente all’approvazione della graduatoria il Comune liquiderà le spettanze ai concorrenti della graduatoria medesima, con le modalità prescelte in sede di domanda.
Il bando potrà essere scaricato nei prossimi giorni dal sito www.comune.cavriglia.ar.it alla Sezione “Bandi e Concorsi”. La scadenza per la presentazione della domanda è fissata al 30 novembre.

Articoli correlati