02, Marzo, 2024

Candidature al Consiglio regionale, nella notte il colpo di spugna: no alle consultazioni con gli iscritti. Ecco chi sarebbe in ballo

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Le regole che il Pd del Valdarno si era dato per la scelta dei candidati sono cambiate: cancellate le votazioni degli iscritti, i candidati dovranno presentare invece le firme a sostegno, come prevede il regolamento regionale. Quattro i nomi dei papabili: ecco chi sono

La svolta nella notte, a livello di direzione provinciale del Pd. In sostanza, cambiano le regole: i candidati al Consiglio regionale del Valdarno aretino non saranno più scelti attraverso il metodo della consultazione e del voto con gli iscritti, come previsto in un documento approvato a livello locale, ma con le regole regionali del Partito democratico. 

I candidati avrenno tempo fino al 18 marzo per presentare le proprie liste di firme a sostegno: poi la palla passerà ai coordinamenti territoriali e infine alla Direzione regionale del Pd. In pratica, dunque, niente primarie interne, ma la semplice raccolta di firme tra gli iscritti a livello di collegio o di assemblea territoriale. 

Quattro i nomi dei 'papabili', almeno fino a stanotte: sarebbero Valentina Vadi, segretaria del Partito democratico di San Giovanni; Simone Tartaro, iscritto al Pd di Montevarchi; e sempre da Montevarchi anche l'ex segretaria Pd Chiara Galli. Infine, nella rosa c'era anche il nome di Ivano Ferri, ex sindaco di Cavriglia: che però avrebbe già ritirato la sua candidatura.

Sono solo due però i nomi che il Valdarno aretino può esprimere, un uomo e una donna: se i candidati saranno tre, come sembrerebbe in queste ore, toccherà al coordinamento provinciale la decisione finale. 

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati