05, Febbraio, 2023

Bambini e ragazzi con scuola e comune piantano alberi al Parco delle Lastre, nei giardini delle scuole, nelle aree verdi

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Ieri e oggi in occasione della Giornata Nazionale dell’Albero anche il territorio di Reggello ha visto il coinvolgimento delle scuole per la messa a dimora di nuove piante. L’assessore Del Sala: “Piccoli grandi gesti che diventano messaggi di vita, speranza, qualità dell’ambiente”

Iniziative nel segno dell'ambiente e con il coinvolgimento di bambini e ragazzi, a Reggello, in occasione della Giornata Nazionale dell'Albero. Una serie di appuntamenti voluti dall'Amministrazione comunale, come spiega l'assessore Priscilla Del Sala: "Abbiamo messo a dimora alcune piante nel parco delle Lastre insieme ai ragazzi dell'Istituto Comprensivo di Reggello. Nel pomeriggio abbiamo piantato due sequoie coi bambini della Scuola Materna Monte Tabor perché le tematiche legate all’ambiente e alla tutela del nostro pianeta sono sempre più importanti, e devono essere affrontate con i bambini che rappresentano il nostro futuro".

 

"Si tratta di piccoli, ma grandi gesti in grado di lanciare un messaggio importante di vita, speranza e qualità dell'ambiente", ha sottolineato ancora l'assessore Del Sala. La Festa dell'Albero continua anche oggi a Vaggio, nel giardino della scuola, dove verranno piantati tre olivi, elementi che contraddistinguono l'identità paesaggistica di Reggello. 

Non solo: una ulteriore serie di piante sono dedicate ai nuovi nati nel 2019. "L'albero è anche simbolo di vita e memoria, per cui abbiamo provveduto anche a piantare 12 alberi, uno per ogni mese dell'anno, legando l'iniziativa alla legge Un albero per ogni nato o adottato nel 2019 – conclude Del Sala – in questo modo le famiglie riceveranno un attestato che indicherà la tipologia di essenza e il luogo dove è stata piantumata. È un modo per festeggiare i nuovi nati e offrire alle future generazioni la possibilità e la responsabilità di crescere nel rispetto del prossimo e della natura". 

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati