23, Luglio, 2024

Area ex mineraria: “Riunitevi in Ati per partecipare ai bandi sull’affidamento dei lavori”. Il sindaco si rivolge alle imprese

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Il sindaco di Cavriglia Leonardo Degl’Innocenti o Sanni si rivolge a Enel e alle associazioni di categoria. “Per il riassetto dell’ex area mineraria le nostre imprese non risultano in possesso dei requisiti necessari, per importi e tipologie, per partecipare alle gare. L’invito è ad attivarsi per mettere in atto forme di aggregazione come le Ati”

Le imprese del territorio di Cavriglia non hanno i requisiti necessari per partecipare alle gare previste per il recupero dell'ex area mineraria di Cavriglia. I lavori dopo un lungo iter autorizzativo verranno effettuati tra il 2016 e il 2021 con un investimento di 80 milioni di euro. Il sindaco Leonardo Degl'Innocenti o Sanni scrive per questo alle associazioni di categoria e all'Enel: "Riunitevi in associazioni d'imprese". 

Le categorie di opere interessate si riferiscono principalmente a movimento terra e ingegneria idraulica e si collocano su valori economici di rilievo, costituendo una indubbia opportunità per l'economia locale. Al momento però, le imprese non risultano in possesso dei requisiti necessari, per importi e tipologie, per partecipare alle gare. Per questo il sindaco, preoccupato che i fondi per gli interventi non abbiano ricadute sul territorio, ha scritto due lettere una alle associazioni di categoria e l'altra a Enel.

In quella indirizzata alle associazioni il sindaco di Cavriglia invita ad attivarsi per mettere in atto forme di aggregazione come le Ati che consentano alle ditte di ottenere i requisiti necessari per partecipare alle gare di appalto. Nella seconda, invece, indirizzata a Enel
si richiede da un lato l'accesso alle gare delle nostre imprese locali mediante la fissazione, dove sarà possibile, di importi a base d'asta idonei allo scopo, dall'altro, tempi rapidi per l'accreditamento. Sarà, infatti, proprio Enel Produzione oltre ad essere proprietaria di buona parte del territorio che sarà oggetto di interventi nel prossimo quinquennio, a bandire le gare di appalto. I lavori di riqualificazione spettano per legge all'azienda che è anche titolare della concessione mineraria.

“Con ottime probabilità – ha affermato il Sindaco Leonardo Degl'Innocenti o Sanni – nei primi mesi del nuovo anno prenderanno il via i lavori di recupero e riassetto della ex area mineraria. Sarebbe davvero un peccato se le nostre aziende non potessero partecipare alle gare di appalto che Enel sta per appaltare e quindi se gli ingenti finanziamenti in arrivo non avessero nessuna ricaduta sul nostro territorio. Per questo abbiamo coinvolto le associazioni di categoria economica, per sensibilizzare le aziende associate sull'opportunità rappresentata dal riassetto dell'area mineraria. Partecipare a gare di appalto così importanti infatti, potrebbe ridare slancio ad alcuni comparti dell'economia valdarnese e dare risposte concrete in termini occupazionali in un momento in cui il lavoro è la priorità per ogni Amministrazione. Per questo mi sono rivolto alle aziende valdarnesi sottolineando la necessità di mettersi in rete per acquisire i requisiti necessari per poter partecipare a bandi con importi così elevati. Il rischio che il nostro tessuto economico resti escluso è concreto, e per il Valdarno, in un momento come quello che stiamo attraversando, sarebbe un' imperdonabile occasione sprecata”.

 

Articoli correlati