01, Febbraio, 2023

Al Brilli Peri una quaterna arbitrale composta di sole donne. Il sindaco Chiassai sarà allo stadio: “Orgogliosa che sia a Montevarchi”

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

La partita Montevarchi-Siena, in programma questa domenica allo stadio Brilli Peri, sarà diretta per la prima volta nella storia del calcio da una quaterna arbitrale composta soltanto da donne. Un passo storico per la Lega Pro, come sottolinea oggi il Sindaco Silvia Chiassai Martini, che per questo annuncia che sarà presente allo stadio domenica per accogliere la delegazione arbitrale.

“Sono molto orgogliosa che sia Montevarchi la città ad ospitare per la prima volta nella storia della serie C una direzione arbitrale tutta al femminile – afferma il Sindaco – Un evento che, per quanto mi riguarda, non può passare inosservato, il primo passo di un lungo cammino per la parità di genere anche nel mondo arbitrale. Sarò presente alla partita per sostenere i colori rossoblù, in un momento delicato del campionato, ma anche per sottolineare quanto il calcio, mondo estremamente maschile, in questa giornata sarà strumento importante per veicolare un messaggio estremamente positivo e di cambiamento”.

“Il calcio, lo sport più seguito nel nostro paese, domenica diventa protagonista di un ulteriore passo verso la modernità e l’abbattimento di barriere che ancora trovano invece reticenze in altri settori della nostra società”, aggiunge Chiassai. “Ritengo molto importante che questa rivoluzione culturale in tema di pari opportunità si concretizzi anche attraverso una partita di calcio, di solito seguita da un pubblico in netta prevalenza maschile. Il cambiamento passerà per Montevarchi, grazie alla Lega Pro e al talento di giovani donne che mi immagino, come molte di noi, abbiano seguito con determinazione il loro cuore e la loro passione senza farsi influenzare da vecchi stereotipi, raggiungendo il loro obbiettivo con un valore ancora superiore. Mi auguro inoltre che il passaggio storico di domenica possa rappresentare ben presto una normalità”.

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati