09, Agosto, 2022

2 giugno: Dina Barucci, 98 anni, ricorda l’elezione che port alla Repubblica

Più lette

In Vetrina

Una vita passata nei campi, due figlie, tre fratelli in guerra e poi le elezioni che per la prima volta estesero il diritto di voto alle donne. I ricordi di chi ha vissuto la storia in prima persona

Dina Barucci, 98 anni, di Meleto, nel giorno del 2 giugno racconta, in una video intervista sulla pagina facebook del Comune di Cavriglia, la sua vita ed una parte importante della nostra storia: la guerra e le elezioni del 2 giugno 1946, a suffragio universale con il diritto di voto esteso per la prima volta alle donne, che sancirono la nascita della Repubblica Italiana.

Con orgoglio, Dina Barucci, racconta le sue radici contadine, la sua vita passata a "zappare la terra", la partenza per la guerra di tre fratelli, la nascita dei due figli, e quel voto del Referendum istituzionale, dopo la fine della seconda guerra mondiale, che permise la rinascita del paese e che portò il 1° gennaio 1948 alla Costituzione Italiana.

 

 

Articoli correlati