06, Ottobre, 2022

Serristori, il Comitato: “No alla smobilitazione dell’ospedale durante l’emergenza coronavirus”

Più lette

In Vetrina

Intervento del Comitato in difesa del Serristori

Sulla situazione dell'ospedale Serristori di Figline, dopo la chiusura notturna del pronto soccorso e il trasferimento dei medici anestesisti, interviene il Comitato in difesa del presidio.

"Il Comitato Difesa Serristori è perfettamente cosciente che l’attuale gravissima emergenza sanitaria impone alla Direzione della USL di riorganizzare e razionalizzare le strutture ospedaliere per affrontare questa terribile epidemia, ciò però non può avvenire a discapito dei malati ricoverati negli ospedali per patologie non legate al Coronavirus".

"Due settimane fa il Serristori è stato dichiarato Presidio Ospedaliero No-Covid (non vi saranno ricoverati soggetti positivi a Coronavirus), riservando i 60+15 posti letto disponibili all’assistenza di malati affetti da patologie che trovavano risposta in tutti gli ospedali. Contemporaneamente la Direzione della USL Toscana Centro ha deciso, con l’avallo della sindaca Mugnai, di chiudere il pronto soccorso nelle ore notturne e di trasferire ad altri presidi i medici anestesisti, pregiudicando il funzionamento degli indispensabili servizi sanitari di diagnostica radiologica, endoscopia digestiva, cardiologia, attività oncologica (non potranno essere effettuate, per mancanza del medico anestesista, trasfusioni di immunoglobuline, chemio terapia, biopsie oncologiche)".

Il Comitato continua: "In pratica non possiamo definire il Serristori un 'Ospedale' non garantendo ai degenti tutte quelle cure minime che dovrebbero trovare in un Ospedale che possa chiamarsi tale. Per evitare il rischio clinico per i pazienti e per il personale sanitario, si deve attuare quanto previsto dalla Legge per l’obbligatoria presenza di medici e di operatori sanitari".

"Il Comitato Difesa Serristori richiede ai sindaci del Valdarno Fiorentino, ed in particolare alla sindaca del Comune di Figline e Incisa, di esigere dalla Direzione della AUSL Toscana Centro il reintegro del personale medico ed infermieristico necessario a garantire le normali condizioni operative dei servizi sanitari, anche durante il periodo dell’emergenza Covid-19".

Articoli correlati