03, Marzo, 2024

Inaugurato il Ponte Leonardo. Rossi: “Esempio di operosità, buona amministrazione, bellezza. Sarà il simbolo del Valdarno”

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Taglio del nastro per il nuovo Ponte a Sud: mezzo chilometro su 12 campate, sopra all’Arno e all’A1. Alla cerimonia presenti sindaci e amministratori di oggi e di ieri, ma anche esponenti del tessuto economico e produttivo del Valdarno

Mezzo chilometro d'asfalto su dodici campate, di cui le due centrali che attraversano rispettivamente l'Arno e l'Autostrada A1. E poi: 18mila metri cubi di calcestruzzo; 7mila tonnellate e mezzo di acciaio, la metà impiegate solo per la struttura portante; 8 chilometri di pali trivellati per le fondamenta; 16mila metri quadrati di superficie in acciaio verniciata, l'equivalente di due campi da calcio. Sono i numeri del Ponte Leonardo, opera simbolo della Variante alla Sr69, elemento centrale del Lotto1 dell'appalto.

Apre al traffico, il Ponte Leonardo: dopo l'inaugurazione, il taglio del nastro. Forbici in mano al Presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi. Accanto a lui, l'assessore regionale Vincenzo Ceccarelli, il presidente della Provincia di Arezzo, Roberto Vasai, i sindaci del Valdarno. Tutti: quelli di oggi, e quelli di ieri. Stesso discorso anche per gli amministratori provinciali, tutti presenti. "Perché oggi è un giorno di festa, e l'occasione per ringraziare tutti coloro che, con caparbietà e buona volontà, ci hanno permesso di arrivare all'inaugurazione", ha commentato Rossi. 
 

Mette d'accordo tutti, il nuovo Ponte a Sud. Politici, amministratori, imprenditori valdarnesi. "Sarà volano di sviluppo, infrastruttura capace di costituire attrazione", ribadisce il Governatore. E aggiunge: "Perché no, sarà anche simbolo di una Toscana efficiente e laboriosa, che impiega manodopera e crea sviluppo. Anche così ce lo dovremo raffiguare". E Roberto Vasai aggiunge: "Questa è un'opera in grado di cambiare il volto del nostro Valdarno". 
 

L'inaugurazione è anche l'occasione per fare il punto della situazione. Tocca proprio a Roberto Vasai, il compito di ricostruire le fasi dell'appalto: "Se ce l'abbiamo fatta, è perché siamo stati lungimiranti. Pensate che abbiamo cominciato a parlarne nel 1995, quando ancora non esisteva il Patto di Stabilità. L'appalto originario (dei lotti 1 e 2, ndr) è del 2008, ma l'azienda vincitrice non si presentò alla consegna del cantiere. Poi, a gennaio 2009, partono i lavori, affidati ad Impresa Spa. E poi, l'apertura del contenzioso, quattro mesi di stop, fino ad arrivare finalmente al riaffidamento alla CCC di Bologna, con socio esecutore La Castelnuovese. Il 1° lotto è concluso, ora manca soltanto il 2°. Questa è la dimostrazione che, se le amministrazioni ci mettono impegno e tenacia, ce la possono fare". 
 

Intanto, comunque, il conto è salito. Prevista all'inizio una spesa di 45 milioni e mezzo di euro, oggi siamo già a 57 milioni. A pesare, tra le altre voci, ci sono i costi di esproprio lievitati (3 milioni e 800mila euro in più); e quelli per il contenzioso aperto con Impresa (ad oggi si parla di 3 milioni e 200mila euro in più). Senza contare le riserve proposte da La Castelnuovese, per le quali si sta procedendo verso l'accordo bonario: spese in più ancora non conteggiate. 

Chi paga l'opera? I lotti 1 e 2 sono finanziati per la maggior parte dalla Regione Toscana, per oltre 46 milioni di euro in tutto. Altri 3 milioni e 200mila euro vengono dalla Provincia di Arezzo. Anche il Valdarno ha contribuito: i comuni, infatti, sono cofinanziatori per un totale di quasi 6 milioni di euro, suddivisi in quote in base alla popolazione residente. La Variante a Est è pagata da Montevarchi per 750mila euro; infine, il nuovo Casello, parte integrante della Variante, è stato realizzato da Autostrade, per un investimento di quasi 900mila euro. 

Ha collaborato Monica Campani

Leggi il Dossier di Valdarnopost sulla Variante alla Sr69

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati