27, Maggio, 2024

Il Movimento 5 Stelle visita la discarica di Podere Rota, “Cambiamenti positivi, ma ancora miglioramenti da poter fare”

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Visita alla discarica di Podere Rota del Movimento 5 Stelle di Terranuova e San Giovanni. Presente anche l’onorevole Samuele Segoni

Una delegazione del Movimento 5 Stelle di Terranuova e San Giovanni guidata dall'onorevole Samuele Segoni e da rappresentanti del comitato vittime di Podere Rota, ha visitato la discarica terranuovese.

“Abbiamo potuto visitare la discarica e tutti gli impianti che insistono nell'area di podere Rota: è stato un appuntamento importante e fortemente voluto per poter vedere e toccare con mano lo stato e il livello di attenzione nei confronti delle problematiche segnalate da anni dai cittadini”, hanno sottolineato Samuele Segoni, Marco Bonaccini e Michela Fabbrini.

Poi i rappresentanti di M5S hanno potuto constatare miglioramenti in quelle che finora erano state segnalate come problematiche inerenti a Podere Rota.

“Abbiamo notato come i problemi e le segnalazioni effettuate costantemente nel tempo, abbiano prodotto dei cambiamenti positivi. Il fonte di coltivazione della discarica, hanno spiegato i responsabili dell’impianto, è ridotto in estensione e viene ricoperto, a differenza del passato, ogni sera con la terra. Anche lo stop al conferimento della Fos di Aisa ha prodotto una situazione ambientale migliore. Gli impianti di pretrattamento e compostaggio inoltre sono migliorati, per stessa ammissione dei responsabili. Infine l'ambiente è effettivamente chiuso durante le lavorazioni, tenuto in depressione, e con biofiltri per l'aria che viene aspirata verso l'esterno”.

La situazione secondo il Movimento 5 Stelle può essere comunque ancora migliorata:

“Soprattutto nella parte che riguarda carico e scarico dei materiali: sia perché i camion emanano cattivi odori, sia perché potrebbe essere implementata una zona franca per ridurre ulteriormente lo scambio di aria con l'esterno. Inoltre solo con una differenziazione spinta dei rifiuti e quindi con un minor conferimento in discarica, è possibile attenuare efficacemente l’impatto di Podere Rota. Acquista quindi ancora più valore la strategia rifiuti zero che il Movimento 5 Stelle vuole attuare prevede: è necessario che in discarica venga conferita esclusivamente la parte impossibile da differenziare”.

Marco Bonaccini e Michela Fabbrini

L'onorevole Samuele Segoni

Articoli correlati